Domanda:
L'etica del trattamento extra
Q the Platypus
2019-01-24 09:16:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo è qualcosa che stavo prendendo in considerazione per un po 'di tempo sulla base di una storia di fantasia che avevo letto.

Un individuo privo di sensi deve sottoporsi a un intervento chirurgico d'urgenza per stabilizzarlo e prevenire la morte del brevetto. Questo intervento medico sta avvenendo senza il consenso esplicito del brevetto, tuttavia poiché ci si può aspettare che una persona ragionevole acconsenta a un intervento chirurgico salvavita (in assenza di un testamento biologico o di qualche altra indicazione) non penso che nessuno avrebbe alcuna preoccupazione etica al riguardo.

Tuttavia, durante l'intervento chirurgico viene scoperto qualcosa che non causerebbe danni immediati ma che è altamente probabile che causi una disabilità estrema a lungo termine (ad esempio un tumore). È etico correggere questa condizione appena scoperta allo stesso tempo?

Una risposta:
#1
+7
De Novo
2019-01-24 10:03:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Stai descrivendo una scoperta intraoperatoria inaspettata. La possibilità di risultati imprevisti (e il loro trattamento) viene solitamente discussa durante il consenso per la procedura originale. Naturalmente, in questa situazione, non c'è stata alcuna discussione iniziale. Il modo in cui questo tipo di problema viene solitamente inquadrato nell'etica medica utilizza una struttura di quattro principi (vedi Beauchamp e Childress, Principles of Biomedical Ethics): autonomia, beneficenza, non maleficenza e giustizia. Qui, la beneficenza (il miglior interesse del paziente), supera l'autonomia (il diritto del paziente di fare la propria scelta) per l'intervento chirurgico salvavita, e lo stesso dovrebbe accadere per affrontare la scoperta inaspettata. Si dovrebbe considerare (intraoperatoriamente) i rischi e i benefici della rimozione del tumore, così come i rischi di una seconda operazione se il chirurgo dovesse rinviare. In, ad esempio, una laparotomia, un tumore prontamente visualizzato sarebbe quasi certamente rimosso e inviato alla patologia. Altri casi (ad esempio, la neurochirurgia, con un tumore che coinvolge la corteccia eloquente), sono più complicati. Questo genere di cose è meno comune ora, data la probabilità di vedere in anticipo qualsiasi tumore che sarebbe evidente durante l'intervento chirurgico con l'imaging della sezione trasversale ad alta risoluzione, ma succede.

Puoi leggere qualcosa sul processo decisionale in merito a risultati intraoperatori inaspettati qui, nel contesto della chirurgia addominale.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...