Domanda:
La rana può essere dannosa per la schiena?
Shlublu
2015-04-02 14:36:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sentito molte cose contraddittorie relative al danno che la rana può fare alla schiena. (Tutto durante discussioni informali. Non ho riferimenti da includere qui, quindi la mia domanda).

  • Alcuni dicono che il nuoto può essere solo un bene per la schiena e il resto del corpo

  • Qualcuno dice che la rana può essere deleteria per la schiena, anche se il nuotatore sommerge la testa. (Quindi una grande cura deve essere data alla tecnica, anche in un contesto ricreativo).

Mi aspetto che la verità sia da qualche parte tra questi due estremi, ma ho nessun modo per capirlo da solo.

Commenti rimossi. Si prega di non rispondere nei commenti.
Due risposte:
#1
+5
michaelpri
2015-04-04 08:21:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nella maggior parte dei casi, il nuoto è un buon esercizio. Il nuoto leggero è anche una terapia per le persone con dolori articolari e alla schiena. La rana di solito non è l'ictus consigliato per la terapia perché, se eseguita in modo errato, può essere dannosa.

Poiché devi continuare a sollevare la testa per respirare, le articolazioni della parte superiore della schiena e del collo si estendono e devono sopportare molto stress da movimenti ripetitivi. Ciò può causare molto dolore, soprattutto a coloro che hanno già avuto problemi alla schiena. Tenere la testa alta e guardare avanti può anche far cadere i fianchi, il che mette a dura prova la parte bassa della schiena. Questo può portare a ulteriori problemi alla schiena, come l ' iperestensione.

Ci sono alcuni suggerimenti per aiutarti a evitare il mal di schiena quando nuoti nel dorso.

  • Tieni la testa sott'acqua il più a lungo possibile; indossare gli occhiali aiuta in questo

  • Cerca di tenere la testa rivolta verso il basso invece che verso la fine della piscina

  • Nuota lezioni - gli istruttori di nuoto possono essere trovati ovunque e se vuoi davvero nuotare a rana senza alcun dolore, allora sarebbe una buona cosa da considerare

Nel complesso, c'è una via di mezzo tra le cose che hai sentito, ma la seconda cosa che hai menzionato è probabilmente più accurata. Se eseguito correttamente, andrà tutto bene, ma se eseguito in modo errato potresti ferirti alla schiena.


Nuoto e mal di schiena

Evitiamo di entrare in discussioni prolungate in chat a meno che non si riferiscano direttamente alla richiesta di chiarimenti o alla modifica di correzioni nel post. La chat è un luogo migliore per tali attività. Grazie.
#2
+1
kenorb
2015-04-06 20:05:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In generale l'idroterapia è consigliata e può migliorare la mobilità e aiutare ad alleviare il disagio e promuovere il recupero da un infortunio.

Se hai problemi al collo o alla schiena, potresti scoprire che la rana aggrava la tua condizione piuttosto che migliorarla , ma potrebbe semplicemente dipendere da una tecnica scadente. Continua a muoverti


Nello studio Prevenzione e trattamento della spalla del nuotatore (2006) possiamo leggere:

Il movimento della spalla durante la rana può variare, con più movimento che si verifica sotto la superficie dell'acqua rispetto a qualsiasi altro colpo. Come la farfalla, le braccia si muovono simultaneamente attraverso un movimento che inizia in piena flessione con rotazione interna. Tuttavia, i gomiti rimangono flessi durante il pull-through fino a quando l'omero non è completamente addotto e portato in adduzione orizzontale con gli avambracci che si toccano. A differenza degli altri colpi, le mani non si muovono mai sotto i fianchi, quindi le forze di trazione sulla cuffia dei rotatori che si verificano durante gli altri colpi alla fine del pull-approfondimento non si verificano durante la rana 1 .

Riferimenti:

  • [1]: Shapiro C. Swimming. In Shamus E, Shamus J, editori. (eds) Prevenzione e riabilitazione degli infortuni sportivi. New York: McGraw-Hill; 2001: 103–154


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...