Domanda:
Il consumo moderato di alcol è utile per massimizzare l'aspettativa di vita?
Kenshin
2015-04-20 14:37:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sentito dire che un consumo moderato di alcol può prevenire le malattie cardiovascolari, ma ho anche sentito che anche un consumo moderato di alcol può aumentare il rischio di cancro (in particolare il cancro al seno nelle donne). Le prove attuali suggeriscono che i benefici dell'alcol superano i rischi in termini di mortalità e qual è il livello ottimale di consumo di alcol per massimizzare l'aspettativa di vita?

Due risposte:
#1
+11
Susan
2015-04-21 09:13:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un'altra risposta ha svolto un ottimo lavoro illustrando alcune delle difficoltà che affliggono la ricerca su questo argomento. I dati osservativi nell'area sono (irrimediabilmente?) Confusi. Vorrei sottolineare due linee di ricerca alternative che potrebbero lasciare al lettore una certa speranza che alla fine avremo una buona risposta a questa domanda.

  1. Marcatori surrogati : una delle maggiori difficoltà con la ricerca in quest'area è che non è pratico randomizzare un numero adeguato di persone ad assumere alcol o no 1 per un periodo di tempo sufficientemente lungo da vedere differenze statisticamente significative in esiti come attacchi di cuore, ictus e morte. Tuttavia, in molte aree, in particolare le malattie cardiovascolari, i ricercatori hanno utilizzato marcatori surrogati che tendono ad evolversi più rapidamente e hanno dimostrato di essere correlati con l'endpoint reale che ci interessa in. Questo approccio ci consente di:

    • Acquisire dati randomizzati a causa della minore durata dello studio richiesto, evitando tutto il caos dei confusi osservativi o;
    • (Meno ottimale ma comunque qualcosa): usa metodi di osservazione ma analizza gli endpoint che hanno meno probabilità di essere confusi.

    Includo due documenti che esaminano i dati interventistici che suggeriscono un beneficio dell'alcol sugli endpoint surrogati:

    Effetto del consumo di alcol sui marcatori biologici associati al rischio di coronaropatia malattie cardiache: revisione sistematica e meta-analisi di studi interventistici. 2

    L'effetto del consumo di alcol sulla sensibilità all'insulina e sullo stato glicemico: una revisione sistematica e Meta-analisi degli studi di intervento. 3

    Nonostante i vantaggi di fattibilità degli endpoint surrogati, questi "marcatori di malignità" comportano alcuni avvertimenti e non può essere considerato come una risposta definitiva sull'opportunità di raccomandare l'alcol per ridurre il rischio di malattie croniche.

  2. Studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo (con endpoint reali) in divenire : questo è ciò che vogliamo. Esiste un NIH U34 attivo per la pianificazione di uno studio multicentrico controllato randomizzato a lungo termine per studiare gli effetti dell'alcol sullo sviluppo di malattie croniche. Forse ti starai chiedendo come randomizzi e rendi ciechi al consumo di alcol. Sebbene la metodologia di quella vasta sperimentazione non sia ancora stata pubblicata (per quanto ne so), il laboratorio Mukamal ha una storia di aggiunta di alcol insapore in Crystal Light (vedi anche articolo del blog di WallStreet Journal). Lo studio di fattibilità è stato completato; Non vedo l'ora di aggiornare questa risposta tra qualche anno quando i dati del grande RCT saranno pubblicati.


1. Si noti che sebbene il resveratrolo, un componente del vino rosso, sia stato pubblicizzato come l'agente potenzialmente benefico (in parte perché può essere aggiunto agli integratori e venduto ...), molti ricercatori nel campo considerano l'etanolo stesso di maggiore interesse. I dati in questa risposta esaminano tutti l'etanolo piuttosto che altri componenti del vino o della birra, molti dei quali possono portare vantaggi aggiuntivi.

2. Brien, SE et al. BMJ.2011; 342: d636

3. Schrieks IC et al. 2015 aprile; 38 (4): 723-732.

Non direi che i confusi sono senza speranza, specialmente quando possiamo studiare culture diverse con abitudini di consumo diverse. In termini di relazioni sociali, sono sicuro che ci sono luoghi in cui gli incontri comportano il consumo di alcolici, altri in cui è coinvolto il bere leggero o non bere, e altri dove è più probabile che coinvolgano altre droghe (tabacco, caffè, khat, marijuana, eccetera.).
@octern Grazie, è un approccio interessante. Tendo ad essere abbastanza negativista riguardo ai dati osservativi in ​​generale per qualsiasi cosa oltre alle analisi esplorative. Non abbiamo e * non possiamo * avere studi controllati randomizzati sulle cinture di sicurezza, ma * possiamo * e * avremo * studi controllati randomizzati sull'alcol. :-)
Qual è la risposta breve? "Può essere"?
Bella risposta dolcezza ... +1 guarda questo in chat qui su Salute https://chat.stackexchange.com/rooms/65011/ask-a-health-moderator quando ne hai la possibilità.
#2
+6
user139
2015-04-20 22:05:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Con molti degli studi sul consumo di alcol e sulla salute del cuore, esaminano le persone che bevono moderatamente, generalmente un bicchiere di vino rosso (resveratrolo). Alcuni ricercatori ipotizzano che sia il resveratrolo che porta a ridurre l'aterosclerosi. Questo pensiero deriva dal paradosso francese o dal paradosso del resveratrolo [ 1]. Il paradosso è perché i francesi vivono così a lungo con una dieta ricca di grassi saturi mentre consumano anche molto vino rosso (poiché l'alcol è un veleno).

Tuttavia, la correlazione non è uguale alla causalità, cioè, ci può essere un terzo fattore. I ricercatori di Harvard hanno scoperto che essere stressati e infelici può avere effetti negativi duraturi sul corpo [ 2]:

Una vasta letteratura scientifica ha descritto in dettaglio come le emozioni negative danneggiano il corpo . Lo stress o la paura gravi e prolungati possono alterare i sistemi biologici in un modo che, nel tempo, si traduce in "usura" e, alla fine, in malattie come malattie cardiache, ictus e diabete. La rabbia e l'ansia croniche possono interrompere la funzione cardiaca modificando la stabilità elettrica del cuore, accelerando l'aterosclerosi e aumentando l'infiammazione sistemica.

Che relazione c'è con la moderazione del bere? Si riferisce al bere moderato attraverso la ricerca sui circoli sociali e sulla durata della vita prolungata. Un team di ricercatori australiani ha scoperto che le persone con circoli sociali più forti e più grandi hanno una durata di vita più lunga [ 3].

Il tempo di sopravvivenza può essere migliorato da reti sociali forti. Tra gli australiani più anziani, questi possono essere importanti per allungare la sopravvivenza.

Come analizziamo queste informazioni? Molti che bevono moderatamente tendono ad uscire per quel bicchiere di vino e quando escono c'è un aspetto sociale nell'ambiente. Marito / moglie, figli, cena con altre coppie, ecc. Cioè, c'è un continuo legame sociale. Quindi è l'alcol che è beneficio o cerchia sociale? Un circolo sociale positivo ha un effetto sullo stress e sulla longevità? Fortunatamente Dr. Martin Seligman dell'Università della Pennsylvania ha già svolto la ricerca. Il suo lavoro e molti altri ricercatori sull'argomento sono citati, citati e in espansione in Perceptions of Longevity and Successful Ageing in Very Old Adults di Katie E. Cherry, Loren D. Marks, Tim Benedetto , Marisa C. Sullivan e Alyse Barker:

Ampie prove sperimentali documentano l'associazione tra partecipazione religiosa e mortalità, dove gli individui religiosi vivono più a lungo delle loro controparti non religiose (ad esempio, McCullough, Friedman , Enders, & Martin, 2009). Ad esempio, Hummer, Rogers, Nam ed Ellison (1999) hanno dimostrato che gli americani che frequentano i servizi di culto due volte a settimana vivono in media 7,6 anni in più rispetto alle loro controparti non frequentanti (una cifra che quasi raddoppia a 13,7 anni tra gli afroamericani ; vedere Marks et al., 2005). Lo studio di Hummer et al. Si basava su un campione nazionale di oltre 20.000 persone che includeva una varietà di fedi (cristiane e non cristiane) e ha ricevuto il punteggio più alto possibile ('10') per il rigore metodologico (Koenig et. Al., 2001, p. 562). La "chiave" di questa differenza di longevità in Hummer et al. sembrava essere la frequenza del servizio di culto, non la fede o la denominazione del mondo (vedere anche Gillum, King, Obisesan, & Koenig, 2008; Hill, Angel, Ellison, & Angel, 2005; Musick, House, & Williams, 2004) [ 4].

Hummer et al. ha notato che la chiave per la longevità era la frequenza di partecipare a un evento sociale in questo caso la chiesa, ma se leggi l'intero documento di pub med in [ 4], vedrai che questo si estende ai social anche la frequenza degli eventi.

Quindi i ricercatori hanno dimostrato che i circoli sociali riducono lo stress, mantengono le persone felici e promuovono la longevità. Molti dei ricercatori che guardano ai bevitori moderatori non guardano all'aspetto sociale del gruppo solo al fatto che (A) consumano una quantità moderata di alcol e (B) non sono morti di infarto. Pertanto, concludono che A causa B ma A potrebbe causare più incontri sociali in cui si verifica il consumo moderato di alcol e questi contesti sociali aiuteranno a ridurre lo stress, promuovere la comunità e l'appartenenza che promuove la longevità che porta a tassi più bassi di aterosclerosi.

Dalla circolazione della Croce Rossa americana Red Wine and your Heart [ 5]:

Nonostante i considerevoli dati provenienti da studi epidemiologici e forti suggerimenti dalla ricerca sperimentale, le prove sono ancora insufficienti per incoraggiare i pazienti che non bevono a iniziare a consumare vino rosso come parte di una strategia di protezione contro l'aterosclerosi. È stato ripetutamente dimostrato che un consumo eccessivo di alcol contribuisce a disturbi cardiovascolari come la cardiomiopatia alcolica (che si sviluppa quando il muscolo cardiaco diventa troppo debole per pompare il sangue in modo efficace), l'ipertensione e alcuni disturbi elettrici del battito cardiaco. Un consumo eccessivo di alcol può portare a cirrosi epatica, tumori, pancreatite, disturbi neurologici, incidenti automobilistici e dipendenza. Gli individui con una storia personale o familiare di abuso di alcol o malattie del fegato dovrebbero evitare di bere alcolici. Tuttavia, molte società mediche considerano un uso moderato di etanolo come potenzialmente benefico per il sistema cardiovascolare, sebbene non siano state formulate raccomandazioni formali per il consumo di alcol leggero.

Cioè, l'alcol non ha raccomandazioni formali e il consumo leggero può essere benefico , ma ancora una volta non viene menzionato l'ambiente. Inoltre, la Mayo Clinic fa la stessa affermazione ma non ha mai analizzato anche l'ambiente delle persone [ 6].

Fino a quando altri studi non inizieranno a esaminare i fattori ambientali sociali e non solo il punto di vista del consumo, non penso che ingerire un veleno per massimizzare l'aspettativa di vita sia la strada da percorrere poiché non ci sono raccomandazioni mediche su così facendo; quindi, è ancora chiamato il paradosso del resveratrolo e non una teoria o un fatto.

Puoi chiarire se esiste qualche ricerca pubblicata sull'ipotesi che il bere moderato sia un proxy per l'attività sociale? O questa è la tua teoria? È un'idea interessante, ma mi piacerebbe vederla testata. Il fatto che le relazioni sociali prevedano la salute e la longevità è stato accettato in epidemiologia da almeno 40 anni, quindi sarei sorpreso se nessuno degli studi su alcol e salute avesse mai pensato di adeguarsi.
@octerm sì, esistono studi su di esso che ho letto qualche tempo fa ma non sono riuscito a trovare. Se leggi gli studi sull'alcol, non tengono conto dei fattori sociali. Usano sondaggi per chiedere informazioni sul consumo di alcol e nient'altro.
Qual è la risposta breve? "Può essere"?


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...