Domanda:
"Esiste una correlazione molto forte tra il consumo di prodotti lattiero-caseari - come il latte - e l'acne, le eruzioni cutanee e l'invecchiamento".
user145959
2019-02-01 17:20:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho letto un articolo qui che dice:

"Esiste una correlazione molto forte tra il consumo di prodotti lattiero-caseari, come il latte, e l'acne, gli sfoghi cutanei e invecchiamento. "

Il motivo? Ormoni, dice Bella. “La maggior parte delle vacche utilizzate in agricoltura sono in realtà vacche gravide. Gli ormoni come il progesterone e i fattori di crescita dell'insulina si fanno strada nel latte ", spiega. "Quando consumiamo il latte, in molte persone aumenta i livelli di infiammazione, deterioramento della pelle, invecchiamento e acne".

È stato interessante per me chiedere: possono questi ormoni essere vivi (attivo) anche quando mangiamo latte pastorizzato (bollito) e altri caseifici che secondo me derivano dal latte pastorizzato?

Voglio dire che gli ormoni non vengono distrutti dopo aver bollito il latte? Mi piace anche sapere che gli ormoni della mucca possono avere effetti sugli esseri umani?

Molti mammiferi hanno ormoni identici o quasi identici. Un modo per vedere un ormone che potrebbe aiutare a illuminarlo è come "una vitamina che il corpo può sintetizzare". Molti mammiferi sintetizzano la vitamina C, ma in essi è un ormone. Gli esseri umani possono sintetizzare la vitamina D, quindi in realtà è un termine improprio. In medicina, molti ormoni prescritti derivano da maiali e cavalli. Risposta breve, se sono intatti di solito influenzano notevolmente il corpo umano. I cosiddetti ormoni "bioidentici" sono preferiti da alcuni medici perché mancano di alcuni degli effetti collaterali unici di ormoni di origine animale quasi identici.
Due risposte:
#1
+5
De Novo
2019-02-01 21:31:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questi sono effetti biologicamente plausibili supportati da evidenze osservative di qualità moderata. A titolo personale, non credo che ci siano prove sufficienti del danno per raccomandare l'eliminazione dei latticini dalla dieta di una persona sana. Una discussione completa su tutte le prove dell'impatto dei latticini sulla dieta va oltre lo scopo di questa risposta, quindi passiamo alla tua domanda specifica

Gli steroidi sessuali sono lipidici strutture solubili ad anello fuse derivate dal colesterolo e conservate in molte specie. Non vengono inattivati ​​dalla pastorizzazione. Oltre ad essere identificato nei prodotti lattiero-caseari e nelle persone che li consumano, il consumo di prodotti lattiero-caseari sembra essere associato ad alcuni effetti biologici attesi nell'uomo, ad esempio qualità dello sperma. Lo studio collegato e gli altri punti vengono esaminati in modo succinto nell'introduzione a questo articolo.

Il fattore di crescita insulino-simile 1 (IGF-1) è un ormone peptidico, ma ha dimostrato di essere attivo dopo la pastorizzazione. È anche conservato tra le specie. Esistono prove (ben riassunte sia nella revisione narrativa che nella meta-analisi in questo articolo) per un'associazione tra consumo di latticini, aumento dei livelli di IGF-1 circolante ed effetti a valle di tale aumento del livello (ad esempio, cancro alla prostata).

Dovresti notare che non sorprende che un ormone prodotto da un altro animale sia attivo in un essere umano. Vedi, il Premio Nobel 1923.

Giusto per essere chiari: Questa risposta affronta le due domande specifiche poste nel PO: gli ormoni nel latte e i prodotti lattiero-caseari sono attivi dopo pastorizzazione e sono ormoni della mucca attivi nell'uomo. Questa risposta (e le prove) NON fornisce supporto per la domanda, in bilico è un bene o un male da latte per te e non affronta le affermazioni nell'articolo collegato (a la a Skeptics.SE domanda)

No. Questo è tutto un ragionamento tangenziale a livello teorico. Potresti parlare di più di queste sciocchezze: "La maggior parte delle mucche utilizzate in agricoltura sono in realtà vacche gravide". Perché, sì, le mucche sono molto spesso incinte, ma, se si tratta di latte ... Il ragionamento in OPQ è una confusione vegana di cose .
@LangLangC la domanda chiede se gli ormoni possono essere attivi dopo la pastorizzazione e se gli ormoni della mucca possono avere un effetto sugli esseri umani. Penso di aver risposto chiaramente con prove dirette non tangenziali. Puoi chiarire come la mia risposta sia tangenziale a quella domanda? Riguardo alle implicazioni per la salute e al rapporto con il processo decisionale, penso di essere stato anche chiaro che questa non è una prova sufficiente per non bere latte, nonostante non sia questo il problema. Se hai una domanda sul fatto che la maggior parte delle vacche sia incinta, potresti chiedere. Probabilmente sarebbe meglio in una pila diversa.
@LangLangC una reazione istintiva (politica) contro prove osservative di qualità moderata non è utile. La politica dell'articolo di Huffington Post può essere discutibile, ma non aiuta a dire ** NO ** alle prove. È quello che è, e NON è un motivo per non bere latte, come ho affermato chiaramente. Penso che i latticini facciano bene a te e li incorporo nella dieta mia e della mia famiglia. L'effetto complessivo sulla salute dei prodotti lattiero-caseari, tuttavia, esula dallo scopo di questa domanda.
@LangLangC Tuttavia, risponderò in modo aneddotico alla tua domanda sulla gravidanza, essendo cresciuto in una fattoria e in una comunità agricola, ho avuto qualche esperienza lì. Sì, i caseifici su larga scala mungono mucche gravide. Alcune piccole fattorie familiari lo evitano, perché, come per gli esseri umani, le gravidanze a catena (rimanere incinta prima di riprendersi completamente dalla gravidanza precedente) possono essere stressanti per le mucche e in realtà non producono tanto latte durante la gravidanza. L'allattamento, come sai, è qualcosa che accade tipicamente dopo la gravidanza,
Non capisco l'angolo politico. Huffwhatnot è irrilevante qui. Ciò che è importante è: la maggior parte di tutto il latte proviene da vacche in gravidanza o in allattamento? (Cioè: il tuo articolo ha un'affermazione non comprovata anche lì? AFAIK la produzione di latte diminuisce drasticamente e> 90% di tutto proviene da "non gravide"?)) Quanto latte proviene da queste mucche, quanti ormoni di qualsiasi tipo sono in quelle varietà di latte, quanti ormoni vengono effettivamente consumati? * Allora: * ci sono prove di acne, cervello e "invecchiamento"? Mi sembra che tutti i libri di testo dicano "nessuna correlazione" a questo e solo pochi giornali dicono "sì".
Leggera sovrapposizione nei commenti post time? Esaminerò di nuovo le fonti di latte, poiché potrebbe effettivamente essere obsoleto, ma se c'è una differenza significativa tra ad esempio l'agricoltura biologica e quella industriale di hivolume, anche questo è rilevante. E la domanda non è "latte" ma "latticini". Se l'IGF è principalmente nel siero di latte, che latte è paragonato alla maggior parte dei formaggi abbastanza diverso in questo?
@LangLangC Penso che il problema qui sia che sto rispondendo alle domande specifiche poste dall'OP e stai cercando qualcuno a cui indirizzare l'articolo collegato e citato nella domanda. Se vuoi aggiungere una risposta che discuta più in generale gli argomenti nell'articolo che il latte provoca invecchiamento, acne, penso che sarebbe utile. Ho cercato di stare lontano dalla politica vegana e affrontare quello che sembrava un malinteso scientifico da parte dell'OP (gli ormoni sono specie specifici e non possono sopravvivere alla pastorizzazione).
@LangLangC e sì, credo che le prove concordino con ciò che si potrebbe prevedere: l'IGF-1 è in una concentrazione più alta nel latte rispetto, ad esempio, ai prodotti lattiero-caseari come formaggio e burro. Per gli steroidi sessuali, è il contrario.
Concordato. Ho letto il * titolo * come domanda principale, la citazione come fonte e il resto come ragionamento contestuale (incl "altri caseifici"). Ciò ha ancora bisogno di differenziazione per `` sono lì, quanto di loro, quanto entra negli esseri umani e cosa fanno '', teoricamente (controllo) e praticamente (osservativamente; davvero mancante per la salute della pelle)
#2
+5
LаngLаngС
2019-02-02 20:07:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se l'argomento principale della domanda è effettivamente espresso nel titolo e nei tag della domanda:

D "Esiste una correlazione molto forte tra il consumo di latticini prodotti, come il latte, e l'acne, gli sfoghi cutanei e l'invecchiamento. "

Quindi la giuria non ha finito di decidere:

L'acne è legati all'ingestione di latticini? Non è un'idea nuova. Risale ai primi giorni del secolo scorso e oltre. La contro-affermazione, che non esiste alcuna relazione tra dieta e acne, ha raggiunto proporzioni mitiche. Non è mai stato comprovato, ma è ripetuto come vangelo in tutti i principali libri di testo di dermatologia. Epstein, commentando i contributi sull'argomento di Waisman, Bickers e Rosenberg, ha percorso la via di mezzo. Affermando inspiegabilmente che "Studi controllati indicano che gli alimenti non hanno alcun effetto sull'acne", ha comunque ammesso "il paziente dovrebbe ricevere qualsiasi assistenza che il controllo dietetico possa impartire". In una revisione di 274 studi clinici sull'acne, l'enorme Evidence Report on the Management of Acne del 2001 ha trovato un documento solitario che menzionava la dieta, ma nessuno studio riportava specificamente sulla dieta dei pazienti.

I latticini sono stati implicati come possibile fattore nell'eziologia del cancro alla prostata in diversi ampi studi epidemiologici, ma non in tutti. Anche le possibili influenze dell'ormone del latte sul cancro al seno non sono chiare e necessitano di un'ulteriore definizione.
I prossimi anni saranno affascinanti per quelli di noi interessati agli ormoni e alla "piaga della giovinezza". Ci si chiede quale sarà l'impatto sui nostri pazienti, sulle nostre pratiche e sulle industrie che producono latte, ormoni e prodotti per l'acne. Solo il tempo lo dirà.

F. William Danby: "Acne e latte, il mito della dieta e oltre", J AM ACAD DERMATOL FEBBRAIO 2005

Anche se sembra molto oggetto di dibattito dimostrare se effettivamente i programmi di produzione di latte industrializzati determinano una maggiore presenza di ormoni nel latte venduto, se esiste una differenza tra i metodi di produzione e gli "ingredienti" nel latte venduto, se questo è vero per tutti i prodotti lattiero-caseari.

Caso in questione: i composti farmacologicamente attivi idrosolubili saranno notevolmente ridotti nel burro e nel burro chiarificato, le molecole presenti nel siero di latte notevolmente ridotte nella maggior parte dei formaggi e qualsiasi cosa altamente lavorata è un gioco completamente diverso. Se lieviti, vermi, insetti fermentano il prodotto lattiero-caseario, quanto degli ormoni viene ridotto da questi organismi? –– o amplificato?

Il latte in quanto non è il prodotto principale consumato dalla maggior parte delle persone e tutti i latticini chiaramente non sono gli stessi. Il kefir è diverso dal formaggio, fresco o stagionato, con batteri o funghi, dal siero di latte, dal burro, dal ghee, dall'isolato proteico e così via. Dati i diversi profili per tutti questi prodotti, devono avere qualcosa in comune su tutta la linea o devono essere analizzati separatamente.

È ovviamente piuttosto interessante cercare prove che dimostrino quanto sia diverso il moderno latte e prodotti lattiero-caseari sono confrontati a pochi decenni fa. Sia nei profili nutrizionali o ora anche farmacologici.

Ma per iniziare un confronto con i latticini, ipotizzando sugli ormoni, quindi collegare tutto ciò a disturbi della pelle sembra molto prematuro e teorico. Almeno se non ci sono chiari indicatori epidemiologici di un possibile legame.

Quali sospetti ci sarebbero da osservare nel collegamento proposto tra acne e pelle?

Solo i più importanti sono :

Prolattina, somatostatina, ormone di rilascio della gonadotropina, ormone luteinizzante, ormone stimolante la tiroide, ormone di rilascio della tireotropina, fattore di crescita epidermico, fattore di crescita simile all'insulina 1, fattore di crescita simile all'insulina 2 , Insulina, Vitamina D, Transferrina, Lattoferrina, Prostaglandine

Ora quali di questi sono contenuti nel latte fresco in quali circostanze e quindi le concentrazioni in primo luogo? Quanto di questo è legato alla mungitura di vacche gravide?

Acne e latte
Il latte e altri prodotti lattiero-caseari contengono più di 60 molecole tra cui prolattina, somatostatina, gonadotropina -ormone di rilascio, ormone luteinizzante, ormoni stimolatori della tiroide e di rilascio della tireotropina, insulina, fattore di crescita epidermico, fattore di crescita nervoso, IGF-1 e 2, fattori di crescita trasformanti, vitamina D, transferrina, lattoferrina e prostaglandine (Koldovsky, 1995). Ciò rende difficile distinguere quale di questi fattori potrebbe avere un effetto acneigenico, soprattutto quando questo fatto è combinato con l'ampia gamma di prodotti lattiero-caseari (Tabella 25.2, Figura 25.4).
Il più importante fattore di quelli sopra menzionati è il fattore di crescita simile all'insulina. Gli IGF sono proteine ​​con un'elevata somiglianza di sequenza con l'insulina. Gli IGF fanno parte di un sistema complesso che le cellule utilizzano per comunicare con il loro ambiente fisiologico. Il latte vaccino contiene IGF-1 e -2, anche dopo la pastorizzazione e l'omogeneizzazione, e l'IGF-1 bovino e umano condividono esattamente la stessa sequenza di amminoacidi (Melnik e Schmitz, 2009). L'elevato consumo di latte aumenta i livelli di IGF-1 del 10% -20% negli adulti e del 20-30% nei bambini (Hoppe et al., 2004 a, b) e il latte e i latticini aumentano i livelli di IGF-1 più delle proteine ​​alimentari come carne (Hoppe et al., 2005).
Il latte contiene anche carboidrati, compreso il lattosio, e quindi il suo consumo produce una risposta glicemica e una risposta insulinemica. La risposta insulinemica al latte ingerito è in realtà da tre a sei volte quella che sarebbe prevista dal carico di carboidrati nella porzione di latte (Ostman et al., 2001). Questo accade per il latte scremato e intero, ma non per il formaggio (Holt et al., 1997; Hoyt et al., 2005). Le ragioni non sono ancora comprese, ma possono riguardare gli effetti insulinotropi di alcuni degli altri molteplici ormoni presenti nel latte (Koldovsky, 1995). Un bicchiere di latte aggiunto a un pasto a basso indice glicemico può aumentare la risposta insulinica fino al 300% del livello prodotto da un pasto ad alto indice glicemico e la formula del latte vaccino lo fa anche meglio del latte materno umano (Liljeberg e Bjorck, 2001; Lucas et al., 1980). Diversi studi suggeriscono che l'insulina aumenta in risposta alla componente del siero di latte (20% delle proteine ​​del latte), mentre la caseina è responsabile dell'aumento dell'IGF-1 (Hoppe et al., 2006). Poiché il siero di latte e la caseina sono entrambi coinvolti nella stimolazione della produzione di androgeni, non ha molto senso differenziarli ulteriormente nella restrizione dietetica, poiché entrambi dovrebbero essere evitati.

Se il risultato di quanto sopra è effettivamente vero : "il siero di latte e la caseina dovrebbero essere entrambi evitati", allora questo è ancora incompleto sul fatto che si tratti, ad esempio, della proteina del siero di latte stessa (lettura essenzialista) o di ciò che è comunemente presente (che varia in base ai metodi di produzione) e sicuramente non comprende 'tutto latticini ', poiché il burro, ad esempio, è in gran parte privo di entrambi.

Quindi resta un tratto per concludere che "stimolare la produzione di androgeni" è solo "tutto cattivo / causa l'acne" da un lato e dall'altro Inoltre ci sono altri tipi di cause che stanno "stimolando la produzione di androgeni": l'iperinsulinemia per esempio, che può anche attivare o sovraregolare i recettori IGF.

È semplicemente troppo semplicistico ridurre il focus a uno o pochi percorsi e "ragionare il resto" da lì.

Ma tieni presente che questo non è l'unico punto di quell'articolo. L'argomento successivo riguardava l '"indice glicemico". Per dare più contesto:

Fatti chiave

  • L'eccesso di androgeni, i recettori attivati ​​dai proliferatori del perossisoma e l'infiammazione sono i principali meccanismi patogenetici dell'acne.
  • La nutrizione sembra svolgere un ruolo importante nella biologia e patologia della pelle, influenzando l'insorgenza e la manifestazione clinica di diversi disturbi dermatologici, inclusa l'acne.
  • La tipica dieta occidentale è costituita da numerose fonti di latte e alimenti ad alto indice glicemico indici.
  • Uno studio condotto da Adebamowo et al. (2005) hanno dimostrato l'associazione tra latticini e acne.
  • Uno studio fornito da Smith et al. (2007) hanno mostrato il legame tra l'assunzione di un elevato carico glicemico di carboidrati e l'acne.
  • I carboidrati ad alto indice glicemico e il latte sembrano aumentare i livelli sierici di insulina, IGF-1 libero e resistenza all'insulina, contribuendo così alla patogenesi dell'acne .
  • IGF-1 sembra essere il più importante fattore acneigenico contenuto nella dieta.
  • A livello genomico, gli effetti dell'insulina e dell'IGF-1 sono mediati dalla concentrazione nucleare di il fattore di trascrizione FoxO1.
  • A livello del promotore, l'espressione di SREBP-1c è soppressa dal FoxO1 nucleare, che è un importante co-repressore del recettore X dei retinoidi e del recettore X del fegato.
  • I dermatologi dovrebbero essere in grado di includere restrizioni dietetiche nella gestione della terapia dell'acne.

Punti di riepilogo

  • La pelle riflette l'età, la salute e la bellezza individuali.
  • Le abitudini nutrizionali influenzano diverse malattie della pelle tra cui psoriasi, dermatite atopica e acne.
  • Studi epidemiologici con latte e prodotti lattiero-caseari supportano l'associazione del consumo di latte con l'insorgenza dell'acne e il decorso clinico.
  • Le diete ad alto carico glicemico sono anche considerate coinvolte nella patogenesi dell'acne a causa della conseguente iperglicemia e iperinsulinemia.
  • I dermatologi dovrebbero includere nella loro pratica clinica quotidiana una gestione dietetica restrittiva nella terapia dell'acne.

A.I. Liakou, C.I. Liakou e C.C. Zouboulis: "Acne and nutrition", Victor R. Preedy (a cura di): "Handbook of diet, nutrition and the skin", Wageningen Academic Publishers, Wageningen, 2012.

Notare in particolare che " dairy 'non è l'unico a contenere queste molecole, è necessario osservare anche la concentrazione e i modelli di consumo. Dosis facit venenum. Ma anche se vengono misurate le stesse molecole, l'effetto potrebbe non essere lo stesso dopotutto, come illustra l'esempio di latte vs carne sopra. E quanto di questi siano presenti anche nel latte "adesso" rispetto ai "tempi passati" dipende in parte dai presunti metodi di produzione delle "vacche gravide". Quanto è cambiato? Difficilmente possiamo saperlo.

Uno dei documenti più importanti che indagano su un possibile collegamento viene sponsorizzato da un gigante del cibo:

Bodo C. Melnik: "Evidence for Acne-Promoting Effects of Milk and Altri prodotti lattiero-caseari insulinotropici ", Clemens RA, Hernell O, Michaelsen KF (eds): Milk and Milk Products in Human Nutrition. Nestlé Nutr Inst Workshop Ser Pediatr Program, vol 67, pagg. 131–145, Nestec Ltd., Vevey / S. Karger AG, Basilea, © 2011.

E questo è un bel problema. La parte lattiero-casearia sponsorizza la ricerca per mostrare quanto "è buono per te", e dai diritti degli animali ai vegani alle aziende alimentari franche che finanziano l'altro lato dell'ideologia. Tutte le parti in cerca di prove che avevano ragione, fin dall'inizio. È più simile alla gnosi che alla scienza ed è estremamente difficile eliminare tutta la pula gettata nel bacino della conoscenza.

Una meta-analisi può aiutare a informare il dibattito sulle prove epidemiologiche sull'assunzione di latticini e sullo sviluppo dell'acne. È stata eseguita una ricerca sistematica della letteratura su PubMed dall'inizio all'11 dicembre 2017 per stimare l'associazione tra assunzione di latticini e acne in bambini, adolescenti e giovani adulti in studi osservazionali. Abbiamo stimato l'odds ratio (OR) degli effetti casuali aggregati (IC al 95%), l'eterogeneità (statistiche I2, statistiche Q) e il bias di pubblicazione. Abbiamo incluso 14 studi (n = 78.529; 23.046 casi di acne / 55.483 controlli) di età compresa tra 7 e 30 anni. Gli OR per l'acne erano 1,25 (IC 95%: 1,15-1,36; p = 6,13 × 10-8) per qualsiasi caseificio, 1,22 (1,08-1,38; p = 1,62 × 10-3) per i latticini interi, 1,28 (1,13– 1,44; p = 8,23 × 10−5) per qualsiasi latte, 1,22 (1,06-1,41; p = 6,66 × 10−3) per il latte intero, 1,32 (1,16-1,52; p = 4,33 × 10−5) per basso contenuto di grassi / latte scremato, 1,22 (1,00–1,50; p = 5,21 × 10–2) per il formaggio e 1,36 (1,05–1,77; p = 2,21 × 10–2) per lo yogurt rispetto all'assenza di assunzione. OR per frequenza di qualsiasi assunzione di latte erano 1,24 (0,95-1,62) da 2 a 6 bicchieri a settimana, 1,41 (1,05-1,90) da 1 bicchiere al giorno e 1,43 (1,09-1,88) da ≥2 bicchieri al giorno rispetto all'assunzione meno che settimanalmente. I risultati aggiustati sono stati attenuati e confrontati non aggiustati. C'era bias di pubblicazione (p = 4,71 × 10-3) e l'eterogeneità nelle meta-analisi era spiegata dalle caratteristiche del caseificio e dello studio. In conclusione, qualsiasi prodotto lattiero-caseario, come latte, yogurt e formaggio, è stato associato a un aumento dell'OR per l'acne in individui di età compresa tra 7 e 30 anni.

Tuttavia, i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela a causa dell'eterogeneità e dei pregiudizi tra gli studi.

Christian R. Juhl et al : "Dairy Intake and Acne Vulgaris: A Systematic Review and Meta-Analysis of 78.529 Children, Adolescents, and Young Adults", Nutrients 2018, 10 (8), 1049, DOI

Quindi rimane attualmente a questo:

Dairy and Acne

Non esiste un legame preciso tra latticini e acne, ma ci sono teorie al riguardo.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...