Domanda:
A cosa serve il sangue in eccesso derivante dalle donazioni di sangue e ne finiamo mai?
dsollen
2015-06-17 21:21:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dona regolarmente sangue, tuttavia, sono curioso di sapere cosa succede al mio sangue dopo la donazione. Ovviamente una parte andrà a persone in situazioni mediche di emergenza, come intendo. Tuttavia, non ho mai sentito parlare di situazioni in cui qualcuno è morto perché non avevamo sangue da donargli; il che fa sembrare che non abbiamo un deficit di sangue. Questo a sua volta mi fa chiedere a cosa serve il sangue in eccesso.

Quindi ho due domande correlate. Primo, abbiamo un deficit di sangue, situazioni in cui qualcuno che avrebbe potuto essere salvato in un ospedale muore perché non c'era sangue per curarlo? O in particolare situazioni come quella causata dalla mancanza di donatori, non da qualche problema logistico che lo porta dove deve essere. Molte volte mi hanno chiamato la Croce Rossa e mi hanno detto che hanno un "deficit", ma francamente lo sento così spesso che mi fa dubitare della loro definizione di deficit. Quante volte finiamo davvero?

Correlati, se non registriamo un deficit, cosa succede al mio sangue in eccesso? Presumo che del sangue venga regolarmente espulso, ma pensano che sia meglio averne di più e rischiare che scada per poi esaurirsi durante un'emergenza. Tuttavia, se abbiamo un surplus abbastanza alto, fanno qualcos'altro con esso? Ad esempio, viene utilizzato per la ricerca medica? Se dicessimo il 5% di donatori in meno, sarebbe la nostra ricerca medica a soffrirne, ma non i pazienti in ospedale?

Continuerò a donare il sangue indipendentemente dalla risposta qui. Sono semplicemente curioso del risultato. Bene questo e informa questa discussione: https://skeptics.stackexchange.com/questions/28118/is-the-red-cross-policy-of-refusing-donation-from-homosexual-men-justified-by -in

Una risposta:
#1
+29
Susan
2015-06-17 23:36:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ottima domanda! Penso che sia possibile rispondere come panoramica, ma tieni presente che questa è solo la punta dell'iceberg. *

Riepilogo : Sì, abbiamo deficit di determinati prodotti sanguigni in determinate località presso determinati tempi che influiscono sulla cura del paziente. Tuttavia, una piccola percentuale di prodotto sanguigno scade inutilizzata (perché non era il prodotto giusto [vedi sfondo] al posto giusto a destra tempo).

Un po 'di background

Il sangue donato di solito non viene trasfuso in un paziente come sangue intero. Invece, è suddiviso in diversi componenti che vengono trasfusi in diversi scenari clinici. Le problematiche di stoccaggio e fornitura sono diverse per ogni componente. I componenti sono:

  • Plasma e derivati ​​
  • Globuli rossi (RBC)
  • Piastrine
  • Granulociti (raramente trasfusi )

Questi diversi componenti richiedono condizioni di conservazione differenti, quindi vengono separati il ​​prima possibile dopo la donazione.

Prima domanda di OP :

In primo luogo, abbiamo mai un deficit di sangue, situazioni in cui qualcuno che avrebbe potuto essere salvato in un ospedale muore perché non c'era sangue per curarlo?

Sì. Bene, in realtà è impossibile rispondere alla tua domanda. :-) Non potremmo mai sapere se qualcuno avrebbe potuto essere salvato con una trasfusione né se qualcuno che aveva ricevuto una trasfusione sarebbe morto. Questi sono costrutti ipotetici a cui è interessante pensare ma non sono compatibili con la ricerca.

Tuttavia, possiamo chiederci se ci sono prove che l'afflusso di sangue a livello clinico è limitato, ad esempio:

  • i medici richiedono prodotti che non sono disponibili per i pazienti;
  • i medici richiedono meno prodotti di quelli che pensano sarebbero l'ideale per un determinato paziente a causa di una carenza di banche del sangue;
  • Gli interventi chirurgici elettivi vengono rinviati; o
  • Le banche del sangue stanno sostituendo prodotti che possono avere un rischio leggermente maggiore di complicazioni a causa di una compatibilità immunitaria tutt'altro che ideale.

Tutti questi sono più sfumati di quanto sembri, ma per un certo grado si verificano tutti.

Citando un articolo sulla rivista Transfusion intitolato Come posso gestire una carenza di sangue in un servizio trasfusionale? :

Sebbene ogni anno vengano fornite più di 16 milioni di donazioni di sangue a più di 4 milioni di destinatari, la carenza di sangue si è ripetuta per decenni [...] due volte all'anno. Chiunque abbia esperienza presso centri ematologici o servizi trasfusionali è abbastanza abituato a queste carenze previste.

Inoltre nota che questo problema è probabile che peggiori perché la richiesta di trasfusioni (tutti i tipi) è in aumento a un tasso del 5-7% all'anno mentre le donazioni non corrispondono a tale aumento.

La prima cosa che accade quando c'è una carenza di banca del sangue di solito coinvolge lo specialista di medicina trasfusionale nella banca del sangue che ha una conversazione con ogni medico che ordina l'emocomponente che è limitato. Insieme determinano se una quantità minore di prodotto o un differimento nella trasfusione potrebbe essere clinicamente appropriato / accettabile.

La distinzione tra queste ultime due parole - appropriate | accetable - è la chiave per stabilire se l'assistenza clinica sia effettivamente compromessa. In molti casi, i medici in effetti richiedono un prodotto oltre a quanto raccomandato nelle linee guida pubblicate, perché ritengono che le condizioni del paziente lo garantiscano a causa di alcune circostanze speciali. Sembra probabile che almeno una piccola percentuale delle volte il medico avesse ragione, ma questo non può mai essere dimostrato.

È anche vero che gli interventi chirurgici facoltativi a volte vengono rimandati per questo motivo (vedi grafico 8-1, p 43), sebbene sia raro.

Un'altra domanda

Correlato, se non registriamo un deficit, cosa succede al mio eccesso di sangue? ... viene utilizzato per la ricerca medica?

Anche se si verificano carenze localizzate di determinati prodotti e sono dirompenti, è vero che una piccola percentuale dei prodotti scade inutilizzata. Negli Stati Uniti, questo è stato stimato al 14% dell'offerta nel 1989 ed era sceso al 5,2% nel 2011, secondo un rapporto del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, i dati più recenti disponibili ho trovato. Si tratta di dati complicati e sfumati di cui questo formato non consente una spiegazione completa (e io stesso non conosco completamente), ma per favore leggi il rapporto HHS collegato se interessato.

Per quanto riguarda ciò che accade all'eccesso, probabilmente è stato scartato, anche se non posso provarlo. Per quanto riguarda la tua domanda sulla ricerca: oltre ad essere non ottimale perché è vecchio, il sangue è stato originariamente raccolto da donatori umani. Tale ricerca sarebbe soggetta ai requisiti IRB per la protezione dei soggetti umani. Ciò richiederebbe probabilmente ai ricercatori di ottenere il permesso dai donatori (/ soggetti) al momento della donazione per utilizzare il prodotto per la ricerca. Questo può accadere in contesti localizzati, ma non conosco progetti su larga scala.


* Limito questa discussione agli Stati Uniti mentre mi rendo conto dei punti deboli - inadeguatezza, davvero - di questo approccio, questo è il sistema sanitario in cui sono stato in grado di individuare i dati, a quanto pare l'OP sta chiedendo informazioni sulla situazione degli Stati Uniti (Croce Rossa), e qui ho molta familiarità con la situazione clinica. Se un'altra risposta può offrire una prospettiva più globale, fallo.

Innanzitutto, questa è davvero un'ottima risposta, molto più dettagliata di quanto avevo previsto e referenziato! Tuttavia, poiché ora sembri una buona fonte di informazioni, voglio vedere se riesco a ottenere da te ancora più dati importanti. Potrebbe dare un'idea del costo attuale dei deficit di sangue? come in quante vite sono (presunte) perse in un anno per mancanza di rifornimenti o per utilizzo di prodotti / quantità non ottimali? So che è un numero molto difficile da stimare, ma sarei molto interessato a qualsiasi dato tu possa avere.
La croce rossa dice sempre che una donazione può salvare "fino a" tre vite. Immagino che sia la migliore delle ipotesi, non sto davvero salvando 3 vite ogni volta che dono il sangue, a volte durante un surplus non posso salvare vite. Tuttavia, sono curioso in media di quante vite vengono "probabilmente" salvate con una donazione di sangue intero da un donatore casuale (non O-)? Probabilmente degno della sua stessa domanda davvero; ma sarebbe bello poter dire esattamente quante vite ho salvato "in media" da tutte le mie donazioni di sangue B + :)
@dsollen Sono d'accordo che probabilmente dovrebbe essere la sua stessa domanda. Le "3 vite" si riferiscono presumibilmente ai 3 componenti utilizzabili (sebbene 1 donatore di sangue intero => ~ 0,25 xfusioni piastriniche, quindi in realtà 2,25). Per calcolare qualsiasi tipo di stima ragionevole, tuttavia, è necessario conoscere un [NNT (numero necessario da trattare)] (http://www.cebm.net/number-needed-to-treat-nnt/ ) per prevenire 1 morte per ogni componente. Non è 1 (cioè ogni trasfusione non salva * una vita), ma non so cosa sia. | * Né i donatori di sangue né i medici "salvano" vite umane; ci limitiamo a posticipare la morte. A volte.
@dsollen ovviamente in una situazione salvavita è abbastanza probabile che saranno comunque necessarie più unità; anche molte unità sono utilizzate in casi di perdita di sangue grave ma non immediatamente pericolosa per la vita.
Ho provato a fare la mia stima estremamente approssimativa per le vite salvate per donazione. Sono sicuro di essermi perso qualcosa in matematica. Ma solo se sei interessato a vedere il mio miglior tentativo è qui: http://health.stackexchange.com/questions/1289/how-many-lives-are-saved-from-one-donation-of-blood/3909#3909


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...