Domanda:
Fattori dietetici per calcoli renali di ossalato di calcio
Bob Wintemberg
2015-04-01 01:17:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Esistono prove che i fattori della dieta giochino un ruolo importante nella creazione di calcoli renali di ossalato di calcio? Alcuni medici e altre fonti consigliano di eliminare caffè, tè, bibite e calcio dietetico per ridurre il rischio di calcoli. Altre fonti sembrano raccomandare di eliminare gli alimenti che aumentano i livelli di ossalato.

Sembra che gli scienziati abbiano una buona comprensione di come funzionano i reni, ma non sembra esserci consenso per le raccomandazioni dietetiche per questi tipi di pietre.

La risposta più ovvia sembrerebbe essere il consumo di acqua. Meno acqua si consuma, meno diluita diventa l'urina nei reni.

Due risposte:
#1
+11
Susan
2015-04-04 12:32:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sfondo

La maggior parte dei calcoli renali (~ 80%) sono calcoli di calcio e la maggior parte di questi è composta principalmente da ossalato di calcio. L'ossalato (C 2 O 4 2− ) è un dianione che si combina con cationi bivalenti come magnesio e calcio. Il sale di magnesio è molto più solubile del sale di calcio. Poiché questi cationi competono per legarsi all'ossalato, sia livelli inferiori di magnesio che livelli di calcio più elevati tenderanno a causare la precipitazione (movimento dalla soluzione alla forma cristallina) dell'ossalato di calcio. Quando ciò accade nelle urine in quantità sufficientemente grandi, può formare "calcoli".

La dieta è importante?

Come introdotto dall'OP, i medici hanno storicamente consigliato ai pazienti che hanno dimostrato una propensione alla formazione di calcoli di ossalato di calcio (o, più genericamente: calcoli renali) per diminuire l'apporto alimentare di calcio e ossalato.

Calcio dietetico

Nel 1993 , uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha dissipato l'idea che a questi pazienti dovrebbe essere consigliata una dieta a basso contenuto di calcio. Hanno trovato l'associazione opposta: una maggiore assunzione di calcio è correlata alla formazione di calcoli ridotta (RR = 0,56; IC 95% 0,43 - 0,73). Questo effetto alquanto controintuitivo può essere spiegato dal legame del calcio con l'ossalato nell'intestino, che tende a diminuire l'assorbimento dell'ossalato. La raccomandazione di diminuire l'assunzione di calcio, quindi, sembra non essere valida. Ulteriori studi hanno perfezionato questa raccomandazione e ora si dice generalmente che un apporto di calcio normale è probabilmente il migliore.

Ossalato dietetico

L'ossalato si trova in uno strano assortimento di alimenti: barbabietole, spinaci, rabarbaro, fragole, noci, cioccolato, tè, crusca di frumento e tutti i fagioli secchi (freschi, in scatola o cotti), esclusi lima e fagiolini. Questo è stato in gran parte un approccio "sembra che dovrebbe funzionare" piuttosto che basato sui dati. Infatti, ampi studi epidemiologici non hanno mostrato un'associazione tra l'assunzione di ossalato e la formazione di calcoli.

Altre associazioni dietetiche

Lo studio NEJM menzionato sopra ha anche esaminato altre correlazioni tra formazione di calcoli e componenti dietetiche. Le proteine ​​animali erano direttamente correlate all'aumento del rischio di calcoli, mentre l'assunzione di potassio e di liquidi era correlata alla diminuzione del rischio.

Un approccio diverso

Il lo sviluppo interessante più recente in quest'area di cui sono a conoscenza è stato pubblicato sull'American Journal of Kidney Disease nel 2014 e ha confrontato la dieta in stile DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) con una dieta a basso contenuto di ossalato per la prevenzione di pietre. Il loro ragionamento è ben riassunto in astratto:

[M] ost le persone non mangiano nutrienti isolati, ma pasti composti da una varietà di cibi con combinazioni complesse di nutrienti. Un approccio più razionale alla prevenzione della nefrolitiasi sarebbe quello di basare i consigli dietetici sugli effetti cumulativi degli alimenti e dei diversi modelli alimentari piuttosto che sui singoli nutrienti.

La dieta DASH è stata, come suggerisce il nome, sviluppata come strumento per mitigare l'ipertensione, ma è stato utilizzato come una sorta di paradigma "dieta sana" in prove di una varietà di interventi. È, come descritto nel documento sopra, ricco di frutta e verdura, moderato di latticini a basso contenuto di grassi e povero di proteine ​​animali. Ci si può aspettare che l'alto contenuto di frutta e noci aumenti l'ossalato urinario, ma questi alimenti tendono anche ad essere ricchi di magnesio e citrato, entrambi inibitori della formazione di calcoli di calcio.

Gli autori hanno raccolto campioni di urina delle 24 ore in partecipanti con una storia nota di calcoli e li hanno randomizzati a una dieta DASH rispetto a una dieta a basso contenuto di ossalato. Hanno scoperto che la sovrasaturazione urinaria di ossalato di calcio (una misura della tendenza a formare calcoli di ossalato di calcio) era diminuita nel gruppo DASH rispetto al gruppo a basso contenuto di ossalato. Ciò si è verificato nonostante una tendenza verso l ' aumento dell'escrezione di ossalato in quel gruppo. Gli autori ipotizzano che ciò possa essere dovuto all'aumento del pH urinario e alle concentrazioni di citrato, magnesio e potassio, che tendono a ridurre la formazione di calcoli.

Conclusione

Non ci sono dati solidi a sostegno di una dieta a basso contenuto di ossalato per la prevenzione dei calcoli. Altri fattori dietetici che sono probabilmente utili includono: normale assunzione di calcio; elevato apporto di liquidi, magnesio e potassio; basso contenuto di proteine ​​animali.


Riferimenti

Borghi L., Schianchi T., Meschi T., et al: Confronto di due diete per la prevenzione dei calcoli ricorrenti nell'ipercalciuria idiopatica. N Engl J Med 2002 (346): 77-84.

Coe FL, Evan A, Worcester E. (2005). Calcoli renali. J Clin Invest. 115 (10): 2598-2608.

Curhan GC, Willett WC, Rimm EB e Stampfer MJ: Uno studio prospettico di calcio dietetico e altri nutrienti e il rischio di calcoli renali sintomatici. N Engl J Med 1993 (328): 833-838.

Noori N, Honarkar E1, Goldfarb DS2, Kalantar-Zadeh K3, Taheri M1, Shakhssalim N1, Parvin M1, Basiri A. Profilo di rischio litogenico urinario in formatori di calcoli ricorrenti con iperossaluria: uno studio controllato randomizzato che confronta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) -stile e diete a basso contenuto di ossalato. Am J Kidney Dis.2014; 63 (3): 456-63.

Taylor EN e Curhan GC: Assunzione di ossalato e rischio di nefrolitiasi . J Am Soc Nephrol 2007 (18): 2198-2204.

#2
+4
Anna Zhilkova
2015-04-04 21:26:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono un professionista della salute, ma ho fatto delle ricerche esattamente sulla tua domanda perché il mio amico, che è piuttosto giovane, ha calcoli renali di ossalato di calcio. La maggior parte delle mie citazioni non proviene direttamente da riviste accademiche, ma da siti web di noti centri medici (vedi sotto).

Poche cose che ho imparato (oltre alla risposta di Susan):

-bere abbastanza liquidi sembra essere la cosa più importante per la prevenzione

- "Sodio , spesso dal sale, induce i reni a espellere più calcio nelle urine. Alte concentrazioni di calcio nelle urine si combinano con ossalato e fosforo per formare calcoli. Ridurre l'assunzione di sodio è preferibile a ridurre l'assunzione di calcio. "

-ridurre l'assunzione di ossalato. La University of Pittsburgh Medical School ha informazioni complete su questo.

So che questo non risponde fino a che punto i calcoli di ossalato di calcio possono essere prevenuti con la dieta, ma queste cose sembrano contribuirvi.

1) Mayo Clinic

2) NIH, National Kidney and Urologic Diseases

3) Univ. della Pittsburgh Medical School

"Bere abbastanza liquidi sembra essere la cosa più importante per la prevenzione" Pensavo fosse vero, ma * penso * che sia importante per prevenire le recidive rispetto ai nuovi calcoli. Qualche indizio se questo è vero?
Mi dispiace, non lo so.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...