Domanda:
È probabile che le luci lampeggianti per bici causino un attacco?
Lyndon White
2015-07-14 19:20:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vedo avvisi su una varietà di cose, come i videogiochi, affermando che

Una percentuale molto piccola di persone potrebbe subire un attacco se esposta a determinate immagini visive, comprese le luci lampeggianti. ..

(Citazione da: X-Box 360 Photosensitive Seizure Warning).

Ultimamente sono tornato a casa al buio, e diverse bici vicino a me avevano luci anteriori o posteriori lampeggianti. Non ho l'epilessia, ma dopo un po 'mi ha provocato un po' di mal di testa / affaticamento degli occhi.

Il che mi fa chiedere di cosa si tratta farebbe a qualcuno che ha avuto l'epilessia fotosensibile?

In realtà è sufficiente a causare un attacco, o una persona epilettica sentirebbe lo stesso affaticamento degli occhi come me?

Una risposta:
#1
+3
HDE 226868
2015-12-04 04:44:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nota: parte di questa risposta deriva dall'esperienza personale. Giudica come desideri.

Ho una condizione simile all'epilessia, che nel tempo mi ha fatto sperimentare una serie di crisi (che vanno da semplici crisi parziali a crisi tonico-cloniche convulsive complete, chiamato anche crisi epilettiche "grande male"). Ciò significa che negli ultimi anni ho eseguito numerosi test, inclusi gli EEG.

I principi di base di un test elettroencefalografico (EEG) (a volte chiamato anche elettroencefalogramma) sono ben noto e può essere consultato con facilità. Tuttavia, hanno parti specifiche progettate per testare potenziali trigger specifici: non ti stendi semplicemente in una stanza buia per mezz'ora con fili legati alla testa.

Uno di questi test di trigger comporta un luce stroboscopica. Il paziente, disteso in una stanza buia, è istruito a chiudere gli occhi, se non lo ha già fatto secondo le istruzioni del medico, infermiere o tecnico incaricato. Una piccola luce - a volte chiamata scherzosamente "luce di insetto" - viene quindi posizionata sugli occhi del paziente, a una distanza di circa un piede. È un dispositivo composto, costituito da tanti piccoli LED.

Il responsabile inizia quindi il test, che procede così:

  • La spia lampeggia per circa dieci secondi abbastanza velocemente.
  • C'è una pausa di dieci secondi.
  • La spia lampeggia di nuovo per dieci secondi, a una velocità più rapida.
  • C'è un pausa di dieci secondi.

Questo schema si ripete per un po 'di tempo, con il lampeggiamento che diventa sempre più veloce. Non ci vuole molto prima che sia impossibile per il paziente capire se la luce lampeggia o brilla continuamente e, anche attraverso le palpebre chiuse, è estremamente luminosa. Mi è stato detto di non aprire gli occhi durante il test, in quanto potrebbe accecarmi. Non so se sia vero o meno, ma non voglio provarlo presto.

In una persona con epilessia fotosensibile, questa luce potrebbe innescare una sorta di attacco, di qualsiasi forza, o almeno un aumento dell'attività cerebrale. Anche se questo non è mai successo a me, succede alle persone.

Non paragonerei l'esperienza a guardare le luci per biciclette come quelle che chiami e per alcuni motivi:

  • Le luci della bicicletta non sono neanche lontanamente luminose come la "luce dell'insetto".
  • Le luci della bicicletta non lampeggiano così velocemente come la luce dell'EEG. The Epilepsy Society osserva che

    Tra 3-30 hertz (lampi al secondo) sono i tassi comuni per scatenare le crisi, ma questo varia da persona a persona. Sebbene alcune persone siano sensibili a frequenze fino a 60 hertz, la sensibilità inferiore a 3 hertz non è comune.

    Questo opuscolo Epilepsy Action fornisce intervalli leggermente diversi.

  • La luce EEG occupa una porzione molto più ampia del campo visivo di una persona rispetto alle luci per biciclette, perché. . .
  • . . . le luci della bicicletta sono in genere molto più lontane di un piede. Se sei più vicino di un piede a una bicicletta, probabilmente sei troppo vicino. Ancora una volta, la Epilepsy Society afferma che questo potrebbe essere un problema se la luce domina completamente il tuo campo visivo:

    Luci lampeggianti per biciclette o altre luci a LED [potrebbero causare un attacco], se questo crea un una frequenza di lampeggiamento sufficientemente alta su uno sfondo scuro e se l'effetto riempie la tua visione.

    L'opuscolo Epilepsy Action lo conferma, se sei troppo vicino.

  • Tuttavia, le persone con epilessia fotosensibile possono avere convulsioni quando si trovano di fronte a luci meno intense rispetto alle luci stroboscopiche con cui sono stato confrontato durante gli EEG (vedere i collegamenti). Quelli di noi senza epilessia fotosensibile dovrebbero stare bene; quelli con esso potrebbero non farlo.

    La linea di fondo? Sì, è possibile, a determinate condizioni. Ci sono state alcune proteste per questo - vedi questo articolo, ad esempio - che ha portato ad alcuni cambiamenti. Tuttavia, questi casi si verificano quando le luci lampeggiano abbastanza rapidamente - non sono stato in grado di trovare i tassi medi per le luci per bici, quindi qualsiasi informazione sarebbe fantastica - e quando la persona con epilessia è relativamente vicina alle luci. Non devi necessariamente essere a un piede di distanza, ma essere a una distanza ragionevole dalla bici ridurrebbe il rischio.



    Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
    Loading...