Domanda:
Può curare la sordità indotta dall'acufene
Blake Asher
2018-03-05 07:28:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Alcune forme di tinnito sono causate da danni ai microscopici peli dell'orecchio interno, che, una volta danneggiati, possono inviare segnali elettrici che provocano il suono della suoneria. Quindi non significa che eliminare completamente i peli curerebbe l'acufene? La sordità sarebbe causata, ma alcune persone probabilmente troverebbero che vivere senza alcun suono è più preferibile al suono costante.

Molti potrebbero pensarlo, ma dubito che lo penserebbero mesi dopo.
Questa è speculazione e fuori tema.
@GrahamChiu Certamente non è una speculazione ed è stato utilizzato clinicamente. Vedi la mia risposta.
La domanda riguarda i recettori e non il nervo. La tua risposta affronta la domanda reale con qualcosa di diverso dalla teoria?
La teoria non è una brutta cosa. Quasi tutto in biologia è risolto dalla teoria. La teoria secondo cui la percezione è un fenomeno nel cervello e che il nervo uditivo trasporta le informazioni sensoriali dalle cellule ciliate al cervello non è controversa. L'OP sembra presumere che il modo più semplice per provocare la sordità sia quello di lesionare le cellule ciliate; nella pratica clinica, invece, sono state utilizzate lesioni del nervo uditivo, con risultati contrastanti. La risposta è la stessa.
Una risposta:
#1
+7
Bryan Krause
2018-03-09 01:59:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Risposta breve

A volte (e sì, l'assordamento è stato utilizzato come trattamento per alcuni pazienti).

L'acufene ha molteplici cause

Sebbene i meccanismi dell'acufene non siano completamente compresi, molte forme di acufene prolungato non sono causate dall'attività nelle cellule ciliate. Piuttosto, le cause coinvolgono le regioni uditive del cervello oltre l'orecchio interno, probabilmente a causa del fatto che quei circuiti non ricevono più l'input che ricevevano dopo un danno alla coclea.

Il danno all'udito in certe frequenze uccide entrambe le cellule ciliate (causando sordità) e induce anche tinnito. Pertanto, la sordità come cura per l'acufene sembra non solo indesiderabile ma piuttosto controproducente in quei casi.

Al contrario, gli impianti cocleari hanno in alcuni casi ridotto l'acufene, e questa è effettivamente la soluzione opposta: ripristinare qualche versione di perdita dell'udito, piuttosto che rimuovere ciò che rimane.

L'assordamento può essere una cura per l'acufene periferico (originato dall'orecchio)

Alcune forme di acufene sembrano hanno un'origine periferica. Ad esempio, l'acufene può verificarsi quando c'è una perdita selettiva di cellule ciliate esterne ma non interne in una regione della coclea. In questo contesto, la lesione di quelle cellule ciliate interne potrebbe eventualmente risolvere il problema, assordando anche il paziente a quelle frequenze. Non sono a conoscenza, tuttavia, di una procedura chirurgica in grado di produrre con successo una lesione così selettiva (si prega di commentare se qualcuno lo sa diversamente).

Curare l'acufene lesionando il nervo uditivo (quindi assordando il paziente) può curare l'acufene in alcuni pazienti. Tuttavia, assordare un paziente è una linea di condotta piuttosto severa.

Riepilogo

In sintesi, l'acufene si riferisce a uno spettro di condizioni e, a seconda delle cause in un particolare paziente, possono essere appropriate linee d'azione completamente diverse. La sordità può curare l'acufene in alcuni casi intrattabili, ma è completamente inappropriata in altri.


Riferimenti

Arts, RA, George, EL, Stokroos, RJ, & Vermeire, K. (2012). impianti cocleari come trattamento degli acufeni nella sordità unilaterale. Opinione corrente in otorinolaringoiatria & head and neck surgery, 20 (5), 398-403.

Baguley, D. M. (2002). Meccanismi di tinnito. Bollettino medico britannico, 63 (1), 195-212.

Baguley, D. M., & Atlas, M. D. (2007). Impianti cocleari e tinnito. Progressi nella ricerca sul cervello, 166, 347-355.

Hesse, G. (2016). Evidenza e mancanza di prove nel trattamento dell'acufene. Laryngo-rhino-otologie, 95, S155-91.

Jackson, P. (1985). Un confronto degli effetti dell'ottava sezione del nervo con la lidocaina sull'acufene. The Journal of Laryngology & Otology, 99 (7), 663-666.

Pulec, J. L. (1995). Sezione del nervo cocleare per l'acufene intrattabile. Orecchio, naso, diario della gola di &, ​​74 (7), 468-470.

@AliceD Ha modificato un po 'la tua modifica; a pensarci bene non mi piace né a monte né a valle.
A monte = dall'estremità dell'organo al cervello, mi sembra OK, qualunque cosa munge la tua maglia ;-)
Ma downstream è usato per indicare "dopo" in una sequenza. Nessuno dei due è del tutto appropriato in quanto la tua modifica evidenzia lol


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...