Domanda:
In che modo i sintomi della tonsillite virale differiscono dalla tonsillite batterica
Oscar Chambers
2018-10-10 21:01:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come farebbe un medico a distinguere tra tonsillite virale e batterica?

Da quello che posso dire hanno gli stessi sintomi

  • gola dolorante
  • tonsille gonfie
  • deglutizione dolorosa
  • febbre

Quindi in che modo differiscono esattamente e quale sarebbe il processo diagnostico che un medico impiegherebbe per confermare quale forma di tonsillite ha un paziente?

Una risposta:
#1
+9
De Novo
2018-10-11 02:31:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'è una grande quantità di sovrapposizione e variabilità nei sintomi associati alla faringite. Molte cause possono includere gonfiore visibile delle tonsille e dell'essudato tonsillare, e quindi possono essere classificate come tonsillite.

La solita domanda clinica qui è "dovrei trattare questo mal di gola con antibiotici", che dipende dai sintomi, segni, storia ed epidemiologia. In un individuo altrimenti sano, la decisione sul trattamento riguarda più la prevenzione delle complicazioni successive associate all'infezione che il trattamento dell'infezione (autolimitata) stessa. Nella maggior parte delle pratiche la domanda chiave, quindi, non è solo "è questo batterico o virale", è, "è questo streptococco di gruppo A (GAS) o no". C'è una buona discussione su questo problema e le prove nelle linee guida per la pratica clinica della società delle malattie infettive d'America. Da notare, c'è qualche argomento (vedi Cecil medicine Ch. 437, oltre alla discussione nelle linee guida IDSA) per porre la domanda "è questo Fusobacterium necrophorum, GAS, o qualcos'altro".

Ora, con questo preambolo, possiamo arrivare alla domanda nel tuo titolo:

In che modo i sintomi della tonsillite virale differiscono dalla tonsillite batterica

Per un paziente pediatrico o giovane adulto altrimenti sano negli Stati Uniti che è aggiornato sulle vaccinazioni, ci sono alcune utili regole pratiche basate sui sintomi (vedere sia le linee guida collegate in precedenza, sia il capitolo in Cecil).

Dalle linee guida, segni e sintomi che suggeriscono fortemente l'eziologia virale:

  • Congiuntivite
  • Coryza
  • Tosse
  • Diarrea
  • Raucedine
  • Stomatite ulcerosa discreta
  • Esantema virale

Cecil's descrive un utile punteggio di rischio basato sull'evidenza per decidere se trattare o meno con antibiotici (che è essenzialmente una domanda riguardante: qual è la probabilità che questo sia streptococco di gruppo A). Ciascuno dei seguenti dà 1 punto: temperatura> 38 ° C, assenza di tosse, gonfiore, nodi cervicali anteriori dolenti, gonfiore tonsillare o essudato e età 3-14 anni. L'età 15-44 anni dà 0 punti, l'età> 44 sottrae un punto. Se il punteggio è 4 o più, si tratta con antibiotici. Se il punteggio è 2 o 3, coltivi la gola e tratti se positivo. se il punteggio è 0 o 1, osservi. Puoi esaminare le prove per questo punteggio qui.

Come indica l'algoritmo del punteggio di rischio, uno dei possibili passaggi diagnostici successivi è una coltura della gola per GAS. Esistono anche test che rilevano la presenza dell'antigene. È importante notare (come discusso nelle fonti collegate), che molti pazienti sono portatori faringei di GAS, quindi il rilevamento di GAS potrebbe non fornire alcuna informazione sulla causa di un particolare attacco di faringite in generale o tonsillite in particolare. C'è un'ottima meta-analisi relativa a questo punto.

Una volta ho sentito che nella faringite streptococcica, i linfonodi dietro le orecchie sono spesso gonfi. Diresti che questo è comune o tipico?
@Jan non è raro, ma non suggerisce lo streptococco in particolare
Sì, stavo pensando batterico anziché virale.
La linfoadenite retroauricolare @Jan non è indicativa di nulla in particolare (streptococco vs non streptococco, virale vs batterico), oltre all'attivazione del sistema immunitario in quella zona.
Risposta fantastica, grazie :)


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...