Domanda:
Uso a lungo termine di riduttori di acidità di stomaco: Omeprazolo o Ranitidina?
RockPaperLz- Mask it or Casket
2016-01-05 02:48:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Trovo che l'omeprazolo (Prilosec, Losec) e la ranitidina (Zantac) agiscano altrettanto bene per la riduzione dell'acidità di stomaco.

Per un uso quotidiano a lungo termine, quale è più sicuro?

I voti negativi senza spiegazioni non sono utili, specialmente su un sito sanitario.
Questo SE è afflitto da voti negativi non commentati e cancellazione di contenuti. In bocca al lupo.
Due risposte:
#1
+6
Lucky
2016-03-20 23:51:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prima di discutere di sicurezza, non sarei d'accordo sul fatto che questi due funzionino "ugualmente bene". Mentre la ranitidina (un antagonista del recettore 2 dell'istamina - H2A) è un medicinale con una buona efficacia, gli studi hanno dimostrato che gli inibitori della pompa protonica - PPI (come omeprasole) sono più efficienti. (1, 2)

Uno di questi studi conclude:

Il trattamento di mantenimento con omeprazolo (20 o 10 mg una volta al giorno) è superiore a ranitidina (150 mg due volte al giorno) nel mantenere i pazienti con esofagite da reflusso erosiva in remissione per un periodo di 12 mesi.

Per quanto riguarda la sicurezza, University of Oxford, Medical Sciences Division in a Systematic review of PPI e H2A in GORD affermano che:

Viene mostrato il tasso di interruzione dello studio a causa di eventi avversi correlati al farmaco [...]. Per PPI, il tasso di ritiri di eventi avversi era del 2,5% e per H2A era del 4,2%. Questa tendenza per un minor numero di ritiri di eventi avversi con PPI è stata significativa - rischio relativo 0,61 (0,41 - 0,91). L'NNH era 50 (26 - 251). Ciò significa che per ogni cinquanta pazienti con esofagite da reflusso trattati con un inibitore della pompa protonica, non si avrà una grave complicanza correlata al trattamento che avrebbe avuto se fossero stati trattati con un H2A.

Questo si riferisce solo a gravi complicazioni. Elenchi dettagliati dei possibili effetti collaterali e delle loro frequenze per ciascun medicinale possono essere trovati nei rispettivi riassunti delle caratteristiche del prodotto - RCP. (4, 5)

(Modifica: per gli effetti e i rischi a lungo termine, possono passare molti anni prima che vengano scoperti, motivo per cui la sicurezza dei medicinali viene costantemente rivalutata, specialmente attraverso il sistema di farmacovigilanza. Ci sono stati alcuni studi molto recenti che dimostrano che potrebbero esserci rischi aggiuntivi a lungo termine associati all'uso di PPI, come spiegato nella risposta del conte Iblis).

Tuttavia, in gravidanza la ranitidina e altri H2A sono stati classificati come medicinali di classe B, mentre l'omeprasole è stato classificato come medicinale di classe C, il secondo è basato sugli effetti mostrati negli studi sugli animali. Ci sono più dati sulla sicurezza in gravidanza ottenuti dall'uomo per la ranitidina che per l'omeprasole. La classe B è considerata più sicura della classe C. Altri IPP sono classificati come classe B. (6)


In definitiva, la scelta del medicinale dovrebbe spettare al proprio medico, che conosce specifiche della tua condizione e del tuo stato di salute generale. Inoltre, se la condizione persiste (hai chiesto informazioni sull'uso a lungo termine) un medico dovrebbe seguire la tua condizione e il progresso del trattamento.


  1. Efficacia e costi di omeprazolo vs ranitidina per il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo sintomatico nelle cliniche di assistenza primaria in West Virginia.

  2. Omeprazolo o ranitidina nel trattamento a lungo termine dell'esofagite da reflusso. The Scandinavian Clinics for United Research Group.

  3. Revisione sistematica di PPI e H2A in GORD

  4. Ranitidina SPC

  5. Omeprasole SPC

  6. Articolo di revisione: la gestione del bruciore di stomaco in gravidanza

#2
+4
Count Iblis
2016-03-21 02:31:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Recenti risultati di ricerche indicano gravi rischi per la salute negativi con l'uso a lungo termine degli IPP. Questi medicinali aumentano il rischio di malattie cardiache, aumentano il rischio di demenza e malattie renali croniche. Questi effetti negativi sono stati riscontrati solo di recente. L'associazione con le malattie cardiache era controversa, ma le prove ottenute di recente indicano un solido nesso causale. I risultati di un esperimento molto recente su colture cellulari suggeriscono che questi effetti collaterali sono dovuti a PPI che interferiscono con la funzione endoteliale.

Come menzionato nella risposta di Lucky, gli IPP funzionano meglio degli H2A, quindi la decisione su quale medicinale usare deve essere basata su una solida valutazione del rischio da parte del medico. Le prove attuali suggeriscono che almeno gli IPP non dovrebbero più essere prescritti, tranne che per prevenire problemi potenzialmente letali come il sanguinamento intestinale.

Non ero a conoscenza di queste nuove scoperte, sono molto interessanti e importanti.
Vorrei sottolineare che il legame tra PPI e malattie renali è puramente osservativo e che i ricercatori non hanno corretto l'uso dei FANS.
"Le prove attuali suggeriscono che almeno gli IPP non dovrebbero più essere prescritti, tranne che per prevenire il sanguinamento intestinale", vero? Voglio dire, è qualcosa che gli specialisti GI stanno dicendo e facendo o la tua interpretazione? Non posso dirlo dal modo in cui l'hai scritto.
@YviDe La mia interpretazione, ecco perché ho usato la parola "suggerisce". Il punto è che ora che ci sono prove concrete che è implicato in esiti di salute gravemente negativi che possono portare alla morte, il calcolo sul suo uso corretto cambierà. [Vedi anche qui:] (http://www.jfponline.com/clinicaledge/view-by-date/single-article/ppis-and-the-risk-of-chronic-kidney-disease/2d261c7e2ade34e799561d2fc1f68874.html) " è diventato altrettanto chiaro che dovrebbero essere usati quando necessario e non continuati indefinitamente quando non c'è una chiara indicazione. —Neil Skolnik, MD "
"Gli IPP non dovrebbero più essere prescritti, tranne che per prevenire il sanguinamento intestinale" Questo non ha senso. Gli IPP sono ancora prescritti per varie condizioni. I pazienti che assumono FANS, hanno barrette, ulcera ricorrente, gastrite ricorrente, displasia, bruciore di stomaco ogni giorno (GERD), ernia iatale, Zoolynger-Elyson ecc.Sono tutti pazienti che sono fondamentalmente su di loro per tutta la vita. Questi studi non dicono che i PPI causino gli effetti collaterali di cui sopra, ma solo una correlazione. Le persone li prendono da 30 anni e stanno bene. Ci sarà sempre una piccola minoranza con lati severi ...
@digestive Sì, ho aggiornato la risposta, ma ho ancora incluso il fatto che dovrebbe essere utilizzato per prevenire gravi problemi. [Questo nuovo articolo] (http://circres.ahajournals.org/content/early/2016/04/19/CIRCRESAHA.116.308807) riporta i meccanismi biochimici che causano gli effetti collaterali.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...