Domanda:
L'uso della protezione solare inibisce la produzione di vitamina D?
RockPaperLz- Mask it or Casket
2017-09-02 02:41:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La vitamina D viene prodotta dalla pelle quando è esposta alla luce solare, quindi, quando si utilizza la protezione solare sulla pelle, la produzione di vitamina D viene inibita?

Ottima domanda! Adoro vedere questo tipo di Q qui :) L'ho modificato leggermente per aggiungere il meccanismo sun-skin-VitD a cui ti riferivi indirettamente, che è più in linea con le linee guida delle domande. Grazie per avermelo chiesto!
Dove sono i feed bot di Twitter quando ne hai bisogno? +1 domanda davvero eccellente.
Posso aggiungere alla domanda: se sì (cioè la protezione solare blocca la produzione di vitamina D), allora quali sono i modi sani per sostituire questo blocco e ottenere la produzione di vitamina D?
Tre risposte:
#1
+3
Narusan
2017-09-02 14:37:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa è stata una domanda controversa per molti anni. Le prove attuali suggeriscono che la protezione solare blocca una parte della produzione di vitamina D, ma con quantità trascurabili .

Studi hanno scoperto che bloccando i raggi ultravioletti, la protezione solare limita la vitamina D produciamo. Ma la domanda è fino a che punto.

Alcuni studi hanno concluso che l'effetto è significativo: una riduzione fino a dieci volte. Ma più recenti, studi randomizzati che hanno seguito le persone per mesi e in alcuni casi anni suggeriscono che l'effetto è trascurabile. Sebbene la protezione solare ostacoli la produzione di vitamina D, questi studi dicono che non è sufficiente a causare una carenza .
[...]
Il dottor Lim ha aggiunto che anziché ridurre la protezione solare , le persone preoccupate per la vitamina D dovrebbero consumare più alimenti ricco di vitamina D , come il salmone, il latte e il succo d'arancia.

Fonte: Articolo del New York Times, Emphasis Mine


Studi citati nell'articolo

  • Matusoka LY et al. L'uso cronico di creme solari riduce le concentrazioni circolanti di 25-idrossivitamina D. Uno studio preliminare. Link PubMed

  • Marks R et al . L'effetto dell'uso regolare di creme solari sui livelli di vitamina D in una popolazione australiana. Risultati di uno studio controllato randomizzato. Link PubMed

  • Farrerons J et al. La crema solare prescritta clinicamente (fattore di protezione solare 15) non riduce la concentrazione sierica di vitamina D in modo sufficiente da indurre cambiamenti nella funzione paratiroidea o nei marcatori metabolici. Link PubMed

#2
+2
user1571
2017-09-06 03:38:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La vitamina D è prodotta dalla pelle. Esistono due sottotipi di radiazioni UV: UVA e UVB. Gli UVA sono i principali responsabili del fotoinvecchiamento e gli UVB per la combustione superficiale che deriva dall'esposizione al sole (2).

La radiazione elettromagnetica UVB converte il 7-deidrocolestrolo in pre-vitamina D3, che viene quindi convertita in vitamina D3 ( 1). I filtri solari con classificazione SPF assorbono o riflettono (a seconda dei filtri utilizzati) la luce UVB (2). Senza luce UVB, il 7-deidrocolestrolo non può essere convertito in pre-vitamina D. Può anche essere interessante notare che il vetro blocca i raggi UVB (ma non i raggi UVA) e quindi ha un effetto simile sulla produzione di vitamina D (1).

In realtà, tuttavia, le persone raramente applicano la protezione solare abbastanza bene in modo che la produzione di vitamina D cessi completamente (3).

In breve, la protezione solare inibisce la produzione di vitamina D, sebbene nella maggior parte dei casi non a tal punto che la carenza di vitamina D diventa una preoccupazione.

  1. https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional/
  2. http://www.skincancer.org/prevention/uva-and-uvb
  3. https: //www.health.harvard .edu / rimanere in salute / 6-cose-che-dovresti-sapere-sulla-vitamina-d
#3
+1
eniel.rod
2020-07-13 11:16:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Oltre alle altre risposte:

[C] studi clinici non hanno mai scoperto che l'uso quotidiano di creme solari porti a un'insufficienza della tovitamina D. In effetti, gli studi prevalenti dimostrano che le persone che usano la protezione solare quotidianamente possono mantenere i loro livelli di vitamina D.

Una delle spiegazioni potrebbe essere che, indipendentemente dalla quantità di crema solare utilizzata o da quanto alto è l'SPF, alcuni i raggi UV del sole raggiungono la tua pelle. Una protezione solare SPF 15 filtra il 93% dei raggi UVB, SPF30 ne impedisce il 97% e SPF 50 filtra il 98%. Questo lascia dal 2 al 7 percento dei raggi UVB solari che raggiungono la tua pelle, anche con filtri solari ad alto SPF. E questo se li usi perfettamente.

Protezione solare e vitamina D di Skin Cancer Foundation

Ci sono affermazioni che uno ha bisogno di una certa quantità di esposizione solare ogni giorno per produrre abbastanza vitamina D per essere in salute. Semplicemente non è vero

David J. Leffell, MD, dermatologo di Yale Medicine e capo della chirurgia dermatologica

D'-bunked dei miti della vitamina D - Yale Medicine



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...