Domanda:
Effetto degli antibiotici sul neonato allattato al seno
siphiuel
2016-02-02 02:07:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A mio figlio di 9 mesi è stata diagnosticata una lieve bronchiolite e gli sono stati prescritti 5 giorni di azitromicina (non tanto per curare una bronchiolite indotta da virus, ma per prevenire una possibile polmonite).

a parte un'ovvia preoccupazione sulla prescrizione di antibiotici per una malattia lieve (e ho già sentito opinioni estremamente contrastanti su questo da colleghi pediatri, al punto da essere completamente confuso), la mia domanda è questa:

In che modo l'allattamento al seno influisce sull'influenza negativa degli antibiotici sul corpo del neonato, ad es flora intestinale? Sono stati effettuati studi?

Grazie!

Due risposte:
#1
+5
Graham Chiu
2017-11-12 03:02:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sembrerebbe che l'allattamento al seno consenta alla flora intestinale del neonato di normalizzarsi rapidamente dopo il corso degli antibiotici, mentre questo può essere un problema per i bambini allattati artificialmente che possono soffrire di diarrea post antibiotica.

Savino et al., (2011) hanno studiato i batteri intestinali di neonati allattati esclusivamente al seno, con un'età media di 4 mesi, che sono stati ricoverati in ospedale per polmonite e trattati con l'antibiotico, ceftriaxone. Come previsto, hanno riscontrato un effetto negativo dell'esposizione agli antibiotici sul numero di batteri fecali con 5 giorni di antibiotici che riducono significativamente i batteri fecali al punto che i lattobacilli non erano rilevabili.

In questi bambini allattati esclusivamente al seno, la conta batterica fecale è tornata ai livelli pre-antibiotici entro 15 giorni dalla fine del trattamento antibiotico. Ciò rifletteva un rapido ristabilimento dei batteri commensali nell'intestino del bambino. È importante sottolineare che non vi è stato alcun cambiamento nella frequenza delle feci e nessuna diarrea associata agli antibiotici in questi bambini, il che è un problema comune quando i bambini nutriti artificialmente sono esposti agli antibiotici

Nonostante siano state somministrate dosi di un antibiotico che ha un effetto dannoso sui batteri intestinali, questi bambini allattati esclusivamente al seno non soffrivano di diarrea associata agli antibiotici e questo risultato è stato attribuito all'allattamento esclusivo al seno (Savino et al., 2011).

Non correlato al domanda, sembra che anche i neonati allattati al seno abbiano bisogno di meno cicli di antibiotici.

https://www.breastfeeding.asn.au/feature-article_breastfeeding-and-antibiotics

#2
+5
Taylor
2017-11-13 23:30:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il latte materno è noto per fornire molti benefici al neonato e al bambino in via di sviluppo. Secondo " Proteine ​​bioattive nel latte umano: salute, nutrizione e implicazioni per le formule per neonati.":

Diverse proteine ​​nel latte materno, tra cui lattoferrina, α-lattoalbumina , le proteine ​​della membrana dei globuli di grasso del latte e l'osteopontina hanno dimostrato di avere bioattività che vanno dal coinvolgimento nella protezione contro le infezioni all'acquisizione di nutrienti dal latte materno.

La ricerca suggerisce che il latte materno può aiutare a ristabilire un sano equilibrio di batteri e anticorpi anche dopo l'uso di antibiotici . Come indicato in " Alimentazione del neonato e microecologia dell'intestino":

I neonati sono rapidamente colonizzati da batteri sia aerobici che anaerobici, inizialmente con circa 50% di ogni tipo. Diversi fattori legati sia al bambino che al suo ambiente influenzano quantitativamente e qualitativamente la composizione della microflora intestinale. Si osservano importanti disturbi ecologici nei neonati trattati con agenti antimicrobici. Un modo per ridurre al minimo i disturbi ecologici, che possono essere osservati nei neonati trattati in unità di terapia intensiva neonatale, è fornire loro latte materno fresco dalle loro madri e utilizzare la terapia antimicrobica solo sotto rigorose indicazioni cliniche .

" Nutrienti protettivi e colonizzazione batterica nell'intestino umano immaturo." descrive il ruolo che l'allattamento al seno ha sulla microflora intestinale del neonato.

La normale microflora umana è un ecosistema complesso che dipende in parte dai nutrienti enterici per stabilire la colonizzazione. Il microbiota intestinale è importante per l'ospite per quanto riguarda le funzioni metaboliche e la resistenza alle infezioni batteriche. Alla nascita, inizia la colonizzazione batterica di un intestino umano precedentemente privo di germi. La dieta e le condizioni ambientali possono influenzare questo ecosistema. Un neonato allattato al seno a termine ha un microbiota intestinale preferito in cui i bifidobatteri predominano sui batteri potenzialmente dannosi, mentre nei lattanti allattati con latte artificiale predominano i coliformi, gli enterococchi e i batterioidi. Il pattern di colonizzazione batterica nell'intestino neonatale prematuro è diverso da quello nell'intestino sano del neonato a termine. Quei bambini che necessitano di cure intensive acquisiscono lentamente organismi intestinali e la formazione di flora bifidobatterica è ritardata. Una colonizzazione batterica ritardata dell'intestino con un numero limitato di specie batteriche tende ad essere virulenta. La proliferazione batterica è uno dei principali fattori che promuovono la traslocazione batterica. La colonizzazione aberrante del neonato prematuro può contribuire allo sviluppo di enterocolite necrotizzante. L'allattamento al seno protegge i bambini dalle infezioni. Gli oligosaccaridi e i glicoconiugati, componenti naturali nel latte umano, possono impedire l'attaccamento intestinale degli enteropatogeni agendo come omologhi recettoriali. Probiotici e prebiotici modulano la composizione della microflora intestinale umana a beneficio dell'ospite. Questi effetti benefici possono provocare la soppressione di microrganismi dannosi, la stimolazione della crescita bifidobatterica o entrambi. In futuro, il controllo e la manipolazione della colonizzazione batterica nell'intestino neonatale potrebbero essere un nuovo approccio alla prevenzione e al trattamento di malattie infettive intestinali di varie eziologie.

Sebbene sia possibile che l'antibiotico che sta assumendo tuo figlio possa avere un impatto sulla sua flora intestinale, è anche importante notare che il latte materno contiene una serie di fattori che possono aiutare a ristabilire un sano equilibrio.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...