Domanda:
Quali sono i rischi derivanti dal fumo o dal bere e quindi dalla donazione del sangue?
Akshay Vasu
2015-04-24 09:41:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché si consiglia sempre ai donatori di non fumare tabacco o bere alcolici per un determinato periodo di tempo prima della donazione di sangue? A quali effetti negativi può essere soggetto il ricevente se viene somministrato il sangue di un donatore affetto da tabacco o alcol?

Una risposta:
#1
+5
Dave Liu
2015-04-25 03:15:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Fumare e bere mettono sia a rischio che a possibile rischio chi riceve la donazione di sangue.

Il fumo fa entrare la nicotina nel flusso sanguigno e di solito si scompone in cotinina. Entrambi sono collegati all'aumento dei livelli plasmatici del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), che può essere coinvolto nella progressione sia della malattia vascolare che del cancro. I ricercatori notano:

"Questi risultati possono fornire un indizio sui meccanismi con cui la nicotina e la cotinina del fumo di sigaretta aumentano la progressione della malattia vascolare e la crescita del tumore e le metastasi". blockquote>

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1850669/

L'alcol verrà immediatamente assorbito attraverso il rivestimento dello stomaco e intestino tenue nel flusso sanguigno, il che significa che sarà anche nel sangue che proverai a donare! {2} Se il destinatario è un bambino, l'alcol può danneggiare il cervello e il fegato in via di sviluppo. {3}

La placca nelle arterie è un effetto a lungo termine, non a breve termine. La maggior parte delle banche del sangue con sede negli Stati Uniti non ha alcuna restrizione sul fumo prima della donazione, ma raccomanda di non fumare dopo la donazione per prevenire vertigini e possibili svenimenti. Potete fornire un riferimento che mostri che il sangue dei fumatori mette a rischio il ricevente?
Hai ragione che non esiste una prova definitiva del rischio. Ho riadattato la mia risposta per affermare "possibile rischio". Grazie per la segnalazione.
Il fumo di sigaretta contiene composti assorbibili che aumentano l'aggregazione piastrinica e promuovono la coagulazione. Questo può anche essere un motivo per evitare di donare il sangue dopo aver fumato di recente.
Il sangue viene prelevato dalle vene, non dalle arterie, e i fumatori sanguinano come i non fumatori, quindi la placca che rende difficile il prelievo di sangue non è un problema.
@CareyGregory Le vene ristrette aumenterebbero la difficoltà di prelievo di sangue? La mia fonte dice: "Nel tempo, la placca si indurisce e restringe le arterie. Questo limita il flusso di sangue ricco di ossigeno ai tuoi organi e ad altre parti del tuo corpo". È corretto estrapolare e dire che anche le vene sono ristrette e limitare il flusso sanguigno?
Non credo sia corretto fare questa estrapolazione. Le sigarette hanno diversi effetti negativi sul sistema vascolare, ma non credo che nessuno di loro sia abbastanza significativo da ostacolare le donazioni di sangue. Come ha detto JohnP, gli effetti sono a lungo termine, non a breve termine.
Ok, grazie per il chiarimento.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...