Domanda:
Qual è il punto di un placebo negli studi in cui il soggetto può determinare il proprio gruppo?
Scott
2019-11-20 22:13:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sapevo che l ' "effetto placebo" operava principalmente tramite un meccanismo basato sulla convinzione del soggetto di aver ottenuto un ingrediente attivo.

Sto leggendo alcuni articoli sugli effetti delle droghe psichedeliche e i ricercatori hanno confrontato un gruppo di controllo a cui era stato somministrato un placebo. Tuttavia, penso che sicuramente i soggetti possano dire se stanno inciampando o meno. Se è così, qual è il punto del placebo? È solo un'applicazione meccanica delle "regole della sperimentazione" da parte dei ricercatori o mi manca qualcosa nel punto del placebo?

Direttamente pertinente: https://www.health.harvard.edu/blog/placebo-can-work-even-know-placebo-201607079926
I placebo sono strani e alcuni funzionano anche se il destinatario sa che ne stanno ricevendo uno. Immagino che testare effetti così strani richieda strane situazioni iniziali, tra cui a volte lasciare che il soggetto scelga in quale gruppo si trovano.
Una risposta:
#1
+5
Bryan Krause
2019-11-20 23:17:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Hai ragione, i migliori placebo sono quelli in cui il soggetto non può davvero sapere in quale gruppo si trova. Tuttavia, ha ancora senso avere un gruppo di controllo e anche se un placebo non è l'ideale, può essere meglio di niente.

Per gli studi sugli psichedelici, ad esempio, ci sono alcuni punti chiave:

A) Per lo meno, il placebo è un controllo per la somministrazione di farmaci . Nello studio che hai collegato, i farmaci vengono somministrati IV. Si prevede che la DMT provochi effetti comportamentali, e quindi ovviamente sarà rilevabile dai soggetti, ma in uno studio come questo stanno misurando l'EEG che non è qualcosa che i soggetti probabilmente saranno in grado di manipolare. Entrambi i gruppi ricevono un'iniezione endovenosa, quindi il placebo si assicura che i cambiamenti cerebrali non provengano dalla flebo stessa.

B) Inoltre, stanno facendo domande soggettive sull'esperienza che i soggetti stanno vivendo, quindi se i soggetti stanno solo "inventando" ti aspetteresti gli stessi punteggi nei gruppi placebo e DMT. Ovviamente il DMT ha un effetto, ma va bene: ci si aspetta che abbia un effetto e ci si aspetta che i soggetti segnalino quell'effetto. Se il gruppo placebo dice che sta vivendo un'esperienza davvero intensa, allora sembra probabile che alcuni dei risultati siano solo perché i soggetti si aspettavano che avrebbero ricevuto DMT, piuttosto che effettivamente ottenerlo.

C) I sintomi, ad esempio, della depressione o del dolore tendono a cambiare nel tempo. Ad eccezione dei casi più estremi di depressione resistente al trattamento, se prendi un gruppo di persone che soddisfano i criteri per la depressione oggi, ti aspetteresti che in media avranno una riduzione dei sintomi depressivi in ​​un momento futuro. Questo è un esempio di regressione alla media. Pertanto, un gruppo di controllo è davvero importante. Questo, tuttavia, è dove la mancanza di un placebo psicoattivo può essere un po 'un problema. Direi che questo è un buon motivo per il follow-up a lungo termine, perché è meno probabile che il sollievo dei sintomi a lungo termine sia dovuto agli effetti placebo del farmaco.

D) Questi studi in genere (sempre, dalla mia esperienza con la letteratura) includono una componente terapeutica sostanziale così come il trattamento psichedelico. Anche il gruppo placebo riceve questa terapia, oltre al farmaco placebo.

E) La scelta del placebo è spesso selezionata per essere qualcosa che ha qualche effetto fisico che non è di natura psichedelica. La niacina, ad esempio, può causare una sorta di sensazione di formicolio. Ai soggetti potrebbe essere detto che lo studio prevede dosi diverse di uno psichedelico, quindi (specialmente i soggetti psichedelici-ingenui) potrebbero non sapere se hanno assunto una dose bassa o un placebo.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...