Domanda:
Quante probabilità ci sono che qualcuno sviluppi una grave allergia in età adulta?
Polycarples
2015-10-13 00:43:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sempre un po 'paura del cibo che so contenere allergeni, perché anche se non ho mai avuto una grave reazione allergica a nulla, uno dei miei amici ne soffre. Esiste una reale probabilità (diciamo maggiore di uno su un milione) di sviluppare un'allergia pericolosa a un allergene a cui l'adulto è esposto occasionalmente o regolarmente in precedenza? E se non fossero stati precedentemente esposti all'allergene?

Dal punto di vista della salute pubblica, la restrizione della distribuzione di alimenti allergenici avrebbe benefici significativi?

La paura e lo stress sono il tuo principale nemico.
non tutte le allergie sono pericolose. Ho sviluppato un'allergia ai gamberetti da adulta (abbastanza grande per gustare i gamberetti e ordinarli regolarmente nei ristoranti) ma non ho una reazione anafilattica, vomito solo ogni ora per circa 12 ore. (Oppure sì; non sorprende che non mangi gamberetti da oltre 30 anni.) Un'allergia del genere non ti ucciderà. Quindi, quando leggi delle allergie ad esordio negli adulti, non dare per scontato che significhi che la tua salute o la tua vita sono in pericolo.
Una risposta:
#1
+6
era
2015-10-15 16:56:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, puoi sviluppare un'allergia alimentare da adulto.

Apparentemente nessuno sa davvero perché, ma un paio di teorie plausibili:

  • essere esposto ad allergeni quando il sistema immunitario è indebolito, come durante una malattia o una gravidanza
  • non essere esposto a un livello sufficientemente alto di allergene da bambino ma raggiungendo quella soglia in età adulta

Dal blog Food Allergy Research & Education (FARE), New Findings in Adult-Onset Food Allergy ( lo studio originale è qui ma dietro un paywall):

Almeno il 15% delle persone con allergie alimentari sviluppa la condizione dopo i 18 anni, suggerisce un nuovo studio. ... L'età della prima reazione ha raggiunto il picco durante i primi anni '30, con un'età dei pazienti compresa tra 18 e 86 anni. Un altro risultato importante è stato che un'età avanzata al momento della diagnosi era associata a un rischio più elevato di reazioni gravi. Inoltre:

  • Una percentuale più alta dei pazienti era di sesso femminile, il che contrasta con la predominanza maschile dell'allergia alimentare nei bambini.
  • Le cinque allergie alimentari più comuni in questo gruppo erano crostacei, noci, pesce, soia e arachidi. I partecipanti allo studio hanno anche identificato 14 altri alimenti come fattori scatenanti allergici.
  • Circa il 16% dei pazienti era allergico a più di un alimento.

Un piccolo accenno: Sebbene non si sappia davvero come si sviluppano le allergie (sia nei bambini che negli adulti), una possibilità è la sindrome allergica orale, in cui l'esposizione (e allergia) al polline delle piante può portare a una reazione allergica al cibo. È un po 'diverso dallo shock anafilattico.

La possibilità che ciò accada a te: questo articolo del Mass General Hospital afferma che "circa 4 % della popolazione adulta degli Stati Uniti è allergica al cibo - circa 9 milioni di noi ". Di quel 4%, il 15% (1,35 milioni o 0,6% degli adulti statunitensi ) svilupperebbe l'allergia dopo i 18 anni.

La questione della salute pubblica è davvero speculativa. Ovviamente sarebbe molto utile per quelle persone che sono allergiche o a rischio di sviluppare un'allergia, poiché non sarebbero esposte al trigger alimentare. Tuttavia, molti di questi allergeni sono estremamente diffusi nella produzione alimentare moderna (arachidi, soia), il che significa che il cibo può essere prodotto in modo meno costoso. Probabilmente è più pratico enfatizzare gli allergeni nelle liste degli ingredienti (come si fa negli Stati Uniti) per consentire agli adulti già allergici o semplicemente preoccupati di evitare ingredienti preoccupanti.

Ciao e benvenuto nel sito. :)


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...