Domanda:
Nessuna prova certa per il ripristino dei batteri intestinali da parte dei probiotici?
user2153235
2019-04-14 04:23:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho letto due articoli online sull'uso dei probiotici per aiutare a mantenere l'equilibrio dei batteri intestinali durante il trattamento antibiotico:

Stavo cercando il "peso dell'evidenza" sul fatto che mangiare probiotici (pillole, yogurt, kimchi, kefir) mantenga effettivamente batteri intestinali buoni quando si inizia un trattamento antibiotico.

I quattro articoli citati che sembravano focalizzati su questo sono:

Sembra che ci siano prove deboli che aiuta con la diarrea e prove più deboli che aiuta con la flora intestinale in generale (nonostante la frase "prova ragionevole" usata nel Wi articolo di kipedia). Tuttavia, non fa male.

È un ragionevole riepilogo delle conoscenze attuali?

NOTA: Questo è diverso da un altro articolo in quanto non chiedo suggerimenti o aneddoti, ma una valutazione delle informazioni attuali.

Due risposte:
#1
+2
bparn
2019-04-15 09:41:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La ricostituzione post-antibiotica del microbioma della mucosa intestinale è compromessa dai probiotici e migliorata dalla FMT autologa

Pubblicato: 6 settembre 2018 DOI: https://doi.org/10.1016/j.cell .2018.08.047

Riassunto: i probiotici sono ampiamente prescritti per la prevenzione della disbiosi associata agli antibiotici e dei relativi effetti avversi. Tuttavia, l'impatto dei probiotici sulla ricostituzione post-antibiotica della nicchia del microbioma ospite della mucosa intestinale rimane sfuggente. Abbiamo esaminato in modo invasivo gli effetti dei probiotici multi-ceppo o del trapianto autologo di microbioma fecale (aFMT) sulla ricostituzione post-antibiotica della nicchia del microbioma mucoso umano e murino. Contrariamente all'omeostasi, la perturbazione antibiotica ha migliorato la colonizzazione dei probiotici nella mucosa umana, ma ha migliorato solo leggermente la colonizzazione nei topi. Rispetto al recupero spontaneo post-antibiotico, i probiotici hanno indotto una ricostituzione del microbioma delle feci / mucose indigene marcatamente ritardata e persistentemente incompleta e un recupero del trascrittoma dell'ospite verso la configurazione omeostatica, mentre l'aFMT ha indotto un recupero rapido e quasi completo entro pochi giorni dalla somministrazione. In vitro, i fattori solubili secreti dal lattobacillo hanno contribuito all'inibizione del microbioma indotta dai probiotici. Collettivamente, i potenziali benefici dei probiotici post-antibiotici possono essere compensati da un recupero compromesso della mucosa intestinale, evidenziando la necessità di sviluppare aFMT o approcci probiotici personalizzati che raggiungano la protezione della mucosa senza compromettere la ricolonizzazione del microbioma nell'ospite perturbato dagli antibiotici.

My conclusioni dalla lettura di questo abstract: include lo studio sull'uomo. Non è diretto specificamente a C. diff. Discute la ricolonizzazione del microbioma intestinale e che la ricolonizzazione potrebbe essere necessaria affinché i probiotici siano efficaci per la colite ulcerosa.

Mi chiedo cosa significhi "perturbazione antibiotica". Il ritardo del recupero dei probiotici è contrario alla credenza corrente (per quanto confusa sia la fondatezza di tale convinzione), e non è chiaro dalla frase se ciò sia stato osservato solo nei topi ("... i probiotici hanno indotto un marcatamente ritardato .. . "). Lo stesso per la battuta finale "... i benefici dei probiotici post-antibiotici possono essere compensati da un recupero compromesso della mucosa intestinale ...".
Trovate interpretazioni del linguaggio tecnico [qui] (http://neurosciencenews.com/probiotic-health-questioned-9818) e [hear] (http://f1000.com/prime/733948978), ma credo che le mie domande sopra ancora in piedi.
Sì, sono d'accordo con te che la tua q è ancora valida. È un'area con molta complessità che porta a conclusioni diverse. Ciò includeva soggetti umani e aveva un focus particolare. Ho pensato che avrebbe aggiunto un po 'di contesto a ciò che sta succedendo nel GI. Inoltre, gli autori non respingono i probiotici.
#2
+1
Jan
2019-04-15 15:14:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

PROBIOTICI PRESCRITTI E DIARREA ASSOCIATA AGLI ANTIBIOTICI

Sembra esserci prove moderate che i probiotici integratori possono ridurre il rischio di diarrea associata agli antibiotici.

L'uso di probiotici per prevenire la diarrea da Clostridium difficile associata all'uso di antibiotici (Cochrane.org, 2017 )

Sulla base di questa revisione sistematica e della meta-analisi di 31 studi clinici controllati randomizzati che includevano 8672 pazienti, evidenza di certezza moderata suggerisce che i probiotici sono efficaci per prevenire CDAD [C. diarrea associata a difficile dopo l'uso di antibiotici].

Efficacia comparativa e tollerabilità dei probiotici per la diarrea associata agli antibiotici: revisione sistematica con meta-analisi di rete (PubMed, 2018)

LGG [Lactobacillus rhamnosus GG] è probabilmente l'opzione migliore da considerare quando è indicato AAD. L. casei sembra essere la scelta più efficace se associata a casi gravi correlati a C. difficile.

Una guida pratica per i probiotici applicata al caso di diarrea associata agli antibiotici in Paesi Bassi (BMC Gastroenterology, 2018)

Dopo una revisione sistematica della letteratura disponibile, concludono che:

... ci sono prove sufficienti per fare un raccomandazione per l'uso di prodotti probiotici specifici per la prevenzione della diarrea associata agli antibiotici. In particolare, forniamo una raccomandazione a tre stelle per i preparati con ... il ceppo probiotico Lactobacillus rhamnosus GG.

Probiotici per la prevenzione della diarrea associata ad antibiotici nei pazienti ambulatoriali-A Revisione sistematica e meta-analisi (MDPI, 2017)

... la qualità complessiva degli studi inclusi era moderata ... I risultati suggeriscono che l'uso di probiotici può essere utile in la prevenzione dell'AAD tra pazienti ambulatoriali.

L'uso tempestivo dei probiotici negli adulti ospedalizzati previene l'infezione da Clostridium difficile: una revisione sistematica con analisi di meta-regressione (Gatroenterology, 2017)

... abbiamo trovato evidenza che la somministrazione di probiotici più vicino alla prima dose di antibiotico riduce il rischio di CDI del> 50% negli adulti ospedalizzati .

COMMERCIALE PROBIOTICI E SALUTE GENERALE

Sembra che non vi siano prove sufficienti per affermare che le capsule o gli alimenti probiotici disponibili in commercio, come yogurt, kefir , formaggio, crauti, kombucha e kimchi, aiutano nella salute generale. Anche se "aiutano con la flora intestinale in generale", questo non significa già che siano benefici per la salute.

Cosa dicono le revisioni sistematiche Cochrane sui probiotici come interventi preventivi? (PubMed, 2107)

Nonostante il marketing e i benefici associati ai probiotici, ci sono poche prove scientifiche a sostegno dell'uso dei probiotici. Nessuna delle revisioni ha fornito prove di alta qualità per la prevenzione delle malattie attraverso l'uso di probiotici.

Probiotici nella prevenzione della diarrea associata agli antibiotici: meta-analisi (theBMJ, 2002)

I ceppi disponibili in commercio vengono commercializzati in capsule e bevande a base di yogurt, ma il loro potenziale beneficio necessita di ulteriori indagini. Sarebbe sbagliato attribuire i benefici comprovati di una varietà a una varietà non testata ma strettamente correlata.

Per quanto riguarda le prove per combattere la diarrea, la mia domanda postula che erano "deboli", mentre le tue prove indicano "moderate". Date tutte le informazioni su questa pagina al momento di questo commento, sospetto ora che l'uso di integratori sia controindicato. La mia ragione principale è la risposta di bparn.
Per quanto riguarda il ripristino della flora intestinale, il primo articolo sembra riguardare la salute generale e sembra essere in qualche modo in linea con la mia ipotesi che ci siano prove molto deboli; dice che non ci sono prove. Tuttavia, non sono sicuro che si occupi specificamente del ripristino della flora intestinale complessiva dopo il trattamento antibiotico. Il secondo articolo sembra concentrarsi sulla diarrea.
Grazie per aver fornito i tuoi pensieri.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...